Crea sito

FUORI - Quadriennale d’arte 2020

03/11/2020

Inaugurata a Roma, la Quadriennale 2020 si può guardare come un bicchiere, mezzo pieno o mezzo vuoto, a seconda delle aspettative che uno ha.

Il bicchiere mezzo pieno ...

Una mostra interessante per molti versi, con opere che spiazzano e stupiscono, l'effetto straniante voluto dai curatori, frastorna e disorienta. Performance, sculture, sculture cinetiche, video, opere pittoriche, ci introducono ad una visione degli artisti molto proficua.

Il bicchiere mezzo vuoto ...   

Se, invece, si vuole paragonare l'evento alla sorella maggiore, la Biennale di Venezia, bè allora di strada bisogna farne tanta, questa mostra infatti manca di quel mordente che molti di noi cercano in una collettiva così grande.

In ogni caso, comunque la si veda, una mostra assolutamente da visitare.

Fuori - Quadriennale d'arte 2020

COMUNICATO STAMPA
Roma, 29 ottobre 2020 – Da domani, venerdì 30 ottobre 2020, fino
al 17 gennaio 2021, al Palazzo delle Esposizioni a Roma, apre al pubblico l’edizione 2020 della Quadriennale d’arte, dal titolo FUORI, a cura di
Sarah Cosulich e Stefano Collicelli Cagol, organizzata dalla Fondazione
La Quadriennale di Roma, presieduta da Umberto Croppi, e dall’Azienda Speciale Palaexpo, presieduta da Cesare Pietroiusti.
Principale partner istituzionale
della mostra è il Ministero per i beni
e le attività culturali e per il turismo, che attraverso la Direzione Generale Creatività Contemporanea ha confermato un importante contributo
ad hoc, facendosi anche promotore
del progetto speciale Premio AccadeMibact.

Per Dario Franceschini, Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo: “La Quadriennale, ritornata alla sua vocazione di istituzione chiamata a indagare, ricercare e restituire la creatività italiana del presente, sarà senza dubbio un pilastro della ricostruzione culturale nazionale. La XVII edizione è il frutto di un lungo e meditato lavoro, condotto nell’ultimo triennio dai curatori, fatto di un costante e profondo rapporto con gli artisti e di un continuo confronto con il prezioso archivio della storica istituzione”.

“Con la Quadriennale, Roma e l’arte contemporanea rinnovano un legame che arricchisce la Capitale. È importante che questo evento, come molti altri appuntamenti culturali della città,
non si siano fermati. È un segnale di ripartenza in un momento storico senza precedenti. Il nostro grazie a chi lavora ogni giorno con questo desiderio di condivisione e agli artisti per il loro impegno concreto, essenziale. L’arte rappresenta uno strumento potentissimo a servizio delle persone, le aiuta attraverso la bellezza a guardare “Fuori”, che è anche il titolo di questa edizione, con fiducia” afferma Virginia Raggi, Sindaca di Roma.

La Quadriennale di Roma è uno
degli appuntamenti storici della
Capitale e, ormai da quasi un secolo,
un punto di riferimento per tutta
l’arte italiana”, dichiara Nicola Zingaretti, Presidente Regione Lazio, che prosegue: “Quest’anno, l’evento romano ha un significato in più:
un tentativo di interpretare questo tempo incerto e fragile attraverso gli occhi dell’arte. E magari, attraverso essa, provare a gettare il nostro sguardo oltre l’evento drammatico che stiamo vivendo. Non a caso, per questa edizione della mostra, è stato scelto
il titolo “FUORI”: una speranza; un’esortazione a rimetterci in moto
e a esplorare strade nuove, quando avremo finalmente superato il trauma della pandemia. Ne abbiamo bisogno, ora più che mai”.

LA MOSTRA
La Quadriennale d’arte 2020
è pensata per restituire un’immagine nuova dell’arte contemporanea
italiana a livello internazionale e il titolo,
FUORI, è emblematico del tipo di sguardo proposto dai curatori.
La mostra intreccia la storia della Quadriennale di Roma e la sua missione di documentazione delle ricerche artistiche italiane con l’esigenza di far emergere percorsi alternativi a quelli maggiormente rappresentati, favorendo una visione polifonica.
FUORI è una mostra transgenerazionale e multidisciplinare. La ricchezza delle linee di ricerca seguite da moltissime figure artistiche degli ultimi sessant’anni ha indotto i curatori a riconoscere
tre ambiti tematici su cui costruire
la mostra: il Palazzo, come metafora della relazione tra arte e potere;
il Desiderio, per la necessità di sedurre che da sempre accompagna l’arte; l’Incommensurabile, ciò che porta gli artisti ad abbracciare fino in fondo le proprie ossessioni, evitando di cadere in uno stile ripetitivo.

FUORI ha così messo a fuoco la multidisciplinarietà (moda, teatro, musica, danza, film, architettura, design) che caratterizza l’approccio di molti artisti e che li ha portati a essere poco presenti nelle narrazioni ufficiali.
Il glam, con la sua forza di seduzione e re-incantamento, è diventato
un elemento che attraversa diverse generazioni; il desiderio erotico, esplorato in tutte le sue direzioni e forme, emerge come un impulso potente alla creatività; gli immaginari femminili, femministi e queer tracciano la rotta di un viaggio unico e inaspettato attraverso sessant’anni di arte italiana.
La mostra FUORI vuole essere perciò un omaggio alla ricchezza e alle ossessioni degli artisti, rendendo la Quadriennale di Roma un’istituzione di vera ricerca e riflessione sui valori artistici che ripensano il presente. 

Per mettere in scena una macchina espositiva che esalti al massimo le opere d’arte e ne favorisca un’efficace leggibilità, i curatori hanno chiesto all’artista/architetto Alessandro Bava un allestimento innovativo che ripensasse il Palazzo delle Esposizioni in relazione alla sua storia, coinvolgendo anche lo scrittore e storyteller Luca Scarlini per un progetto di storytelling sulla storia dell’istituzione.

I NUMERI
43 gli artisti in mostra, presentati negli oltre 4.000 metri quadri di Palazzo delle Esposizioni, suddiviso in 35 sale; 18 le nuove produzioni realizzate e più di 300 le opere esposte attraverso sale monografiche e nuovi lavori, che tracciano un percorso alternativo nella lettura dell’arte italiana dagli anni Sessanta a oggi.
Gli artisti selezionati sono: Alessandro Agudio, Micol Assaël, Irma Blank, Monica Bonvicini, Benni Bosetto, Sylvano Bussotti, Chiara Camoni, Lisetta Carmi, Guglielmo Castelli, Giuseppe Chiari, Isabella Costabile, Giulia Crispiani, Cuoghi Corsello, DAAR - Sandi Hilal - Alessandro Petti, Tomaso De Luca, Caterina De Nicola, Bruna Esposito, Simone Forti, Anna Franceschini, Giuseppe Gabellone, Francesco Gennari, Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi, Diego Gualandris, Petrit Halilaj e Alvaro Urbano, Norma Jeane, Luisa Lambri, Lorenza Longhi, Diego Marcon, Raffaela Naldi Rossano, Valerio Nicolai, Alessandro Pessoli, Amedeo Polazzo, Cloti Ricciardi, Michele Rizzo, Cinzia Ruggeri, Salvo, Lydia Silvestri, Romeo Castellucci - Socìetas, Davide Stucchi, TOMBOYS DON’T CRY, Maurizio Vetrugno, Nanda Vigo, Zapruder Filmmakersgroup.
Di questi, 29 sono alla loro prima partecipazione alla Quadriennale d’arte: Micol Assaël, Monica Bonvicini, Benni Bosetto, Sylvano Bussotti, Chiara Camoni, Lisetta Carmi, Guglielmo Castelli, Isabella Costabile, Giulia Crispianin, DAAR - Sandi Hilal - Alessandro Petti, Tomaso De Luca, Caterina De Nicola, Simone Forti, Giuseppe Gabellone, Francesco Gennari, Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi, Diego Gualandris, Petrit Halilaj e Alvaro Urbano, Norma Jeane, Lorenza Longhi, Raffaela Naldi Rossano, Valerio Nicolai, Amedeo Polazzo, Cloti Ricciardi, Michele Rizzo, Cinzia Ruggeri, Romeo Castellucci - Socìetas, TOMBOYS DON’T CRY, Zapruder Filmmakersgroup.

25 gli artisti che vivono in Italia;
12 quelli che vivono all’estero (Alessandro Agudio, Monica Bonvicini, DAAR - Sandi Hilal - Alessandro Petti, Tomaso De Luca, Caterina De Nicola, Simone Forti, Giuseppe Gabellone, Petrit Halilaj e Alvaro Urbano, Lorenza Longhi, Alessandro Pessoli, Amedeo Polazzo, Michele Rizzo), 19 le donne, 17 gli uomini, 7 le coppie o collettivi; 14 sono under 35 (Diego Gualandris, 27; Caterina
De Nicola, 29; Isabella Costabile, 29; Lorenza Longhi, 29; Raffaela Naldi Rossano, 30; Amedeo Polazzo, 32; Davide Stucchi, 32; Tomaso De Luca, 32; Valerio Nicolai, 32; Benni Bosetto, 33; Guglielmo Castelli, 33; Giulia Crispiani, 34; Petrit Halilaj, 34; Diego Marcon, 35).
TRE PROGETTI SPECIALI:
CON MiBACT, MAECI, BANCA D’ITALIA
In occasione della Quadriennale d’arte 2020, sempre al Palazzo delle Esposizioni nello Spazio fontana al piano zero, sarà aperta al pubblico, quale principale evento collaterale,
la mostra Domani Qui Oggi a cura di Ilaria Gianni. La mostra è l’esito conclusivo del Premio AccadeMibact, la ricognizione sugli artisti italiani under 28 che studiano o si sono
formati in una Accademia di Belle Arti, promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del MiBACT. La mostra Domani Qui Oggi, realizzata in collaborazione con la Fondazione
La Quadriennale di Roma, offre l’opportunità di conoscere il lavoro creativo dei 10 talenti vincitori di questa edizione, selezionati tra 89 candidati proposti da 33 Accademie di Belle Arti di tutta Italia.

Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, da sempre impegnato nella promozione internazionale di un’immagine dell’Italia che riconosca al nostro Paese la
sua capacità di innovazione, affianca e supporta la Quadriennale nella valorizzazione all’estero del patrimonio costituito dagli artisti italiani attraverso un progetto inedito di promozione
e documentazione audiovideo della mostra.
La Banca d’Italia, in occasione della Quadriennale d’arte 2020, effettuerà un’apertura straordinaria della sala che ospitava l’ingresso al Bal Tic-Tac, il locale futurista decorato da Giacomo Balla e inaugurato nel 1921 in via Milano, proprio accanto al Palazzo delle Esposizioni. Nella sala è visibile
il dipinto murale di Balla, scoperto nel 2017 e restaurato con la supervisione della Soprintendenza Speciale di Roma. L’accesso sarà consentito esclusivamente su prenotazione (www.baltictacquadriennale.it) ai visitatori della Quadriennale e, considerate le norme di sicurezza e la ridotta capienza del locale, potrà avvenire solo per piccoli gruppi di persone. In futuro le decorazioni di Balla per il Bal Tic-Tac saranno pienamente valorizzate e visitabili dal pubblico all’interno dello spazio espositivo permanente sulla moneta e sulla finanza in corso di progettazione nell’ambito del Centro per l’educazione monetaria e finanziaria intitolato a Carlo Azeglio Ciampi.
Con questa iniziativa speciale dedicata a Balla, grande protagonista anche di tante Quadriennali, la Banca d’Italia conferma, in una prospettiva di responsabilità sociale, il suo impegno per la valorizzazione del proprio patrimonio storico-artistico.

Palazzo delle Esposizioni

Via Nazionale, 194 - 00184

30 ottobre 2020 > 17 gennaio 2021

quadriennale2020.com

 a cura di Sarah Cosulich e Stefano Collicelli Cagol
  
Biglietto di ingresso alla mostra gratuito
grazie al contributo di Gucci, main partner della Quadriennale d'arte 2020

#Quadriennaled'arte2020 #PalazzoDelleEsposizion #Roma #SarahCosulich #StefanoCollicelliCagol #Gucci #AlessandroAgudio, #MicolAssaël, #IrmaBlank, #MonicaBonvicini, #BenniBosetto, #SylvanoBussotti, #ChiaraCamoni, #LisettaCarmi, #GuglielmoCastelli, #GiuseppeChiari, #IsabellaCostabile, #GiuliaCrispiani, #CuoghiCorsello, #DAAR-SandiHilal - #AlessandroPetti, #TomasoDeLuca, #CaterinaDeNicola, #BrunaEsposito, #SimoneForti, #AnnaFranceschini, #GiuseppeGabellone, #FrancescoGennari, #YervantGianikian e #AngelaRicciLucchi, #DiegoGualandris, #PetritHalilaj e #AlvaroUrbano, #NormaJeane, #LuisaLambri, #LorenzaLonghi, #DiegoMarcon, #RaffaelaNaldiRossano, #ValerioNicolai, #AlessandroPessoli, #AmedeoPolazzo, #ClotiRicciardi, #MicheleRizzo, #CinziaRuggeri, #Salvo, #LydiaSilvestri, #RomeoCastellucci - #Socìetas, #DavideStucchi, #TOMBOYSDON’TCRY, #MaurizioVetrugno, #NandaVigo, #Zapruder #Filmmakersgroup.
Di questi, 29 sono alla loro prima partecipazione alla Quadriennale d’arte: Micol Assaël, Monica Bonvicini, Benni Bosetto, Sylvano Bussotti, Chiara Camoni, Lisetta Carmi, Guglielmo Castelli, Isabella Costabile, Giulia Crispianin, DAAR - Sandi Hilal - Alessandro Petti, Tomaso De Luca, Caterina De Nicola, Simone Forti, Giuseppe Gabellone, Francesco Gennari, Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi, Diego Gualandris, Petrit Halilaj e Alvaro Urbano, Norma Jeane, Lorenza Longhi, Raffaela Naldi Rossano, Valerio Nicolai, Amedeo Polazzo, Cloti Ricciardi, Michele Rizzo, Cinzia Ruggeri, Romeo Castellucci - Socìetas, TOMBOYS DON’T CRY, Zapruder Filmmakersgroup.