Crea sito

Inaugurazioni ed eventi di un giorno

**************************************************

Maggio 2018

**************************************************

22 maggio 2018

-  ore 18

Doppio volo 

Michael Gambino - Giorgio Tentolini

a cura di Marco Di Capua
Inaugurazione martedì 22 maggio 2018, ore 18.00
cocktail & DJ set
Galleria Russo, via Alibert, 20 Roma

La Galleria Russo presenta la mostra Doppio volo. Giorgio Tentolini – Michael Gambino: nelle sale della storica galleria la prima personale romana dei due giovani artisti che dal 22 maggio al 12 giugno 2018presentano al pubblico i loro ultimi lavori.
 
Come introduce in catalogo il curatore della mostra Marco Di Capua “C’è un che di leggerissimo, anzi proprio di aereo che circola nelle stanze di questa mostra, facendo dello spazio della Galleria Russo unafly zone utile a uno sciamare di centinaia di piccole ali colorate (e fin qui ci siamo) ma anche di segni duri, ritorti, di intrecci e di nodi, di passaggi, di luci e di ombre”.
In un continuo gioco di rimandi le opere di Giorgio Tentolini, realizzate con lievi armature in tulle oppure in reti metalliche, si alternano a quelle di Michael Gambino, caratterizzate da miriadi di farfalle colorate ritagliate nella carta.

- ore 20.30

Peppe Barra protagonista assoluto di “E cammina cammina”:

le canzoni e i testi degli oltre cinquant’anni di vita teatrale

di questo artista sempre autentico e puro,

custode indiscusso della tradizione popolare napoletana

La stagione di concerti della IUC si chiude martedì 22 maggio alle 20.30 con una serata straordinaria fuori abbonamento all’Aula Magna dell’Università “Sapienza”: ne sarà protagonista Peppe Barra, insieme ai cinque straordinari musicisti che da tanti anni collaborano con lui.

In questo concerto-spettacolo Peppe Barra propone il suo nuovo disco “E Cammina Cammina”, una sintesi del suo cammino artistico, iniziato più di cinquant’anni fa, in cui mescola assieme canzoni vecchie e nuove in un crescendo di emozioni e di musica. Da “Shit Struck Street Blues”, ovvero l’Idillio e’merdadel poeta Ferdinando Russo, magistralmente trasformata in un blues a dimostrazione che non esistono confini tra le varie contaminazioni culturali, agli autori del passato come Raffaele Viviani (“O Malamente”), Salvatore di Giacomo (“Munastero”), Pisano-Rendine (“La Pansè”) per arrivare all'omaggio a Eduardo De Filippo (“Uocchie c’arraggiunate”) fino alla reinterpretazione dei brani di autori contemporanei, come in “Vasame” di Enzo Gragnianiello e “Cammina, cammina” di Pino Daniele.

Alle canzoni si alternano i testi recitati di “Tiempo”, in cui la creatività artistica del cantante e attore napoletano trova il picco più alto, in questo eterno cammino di musica e poesia. Protagonista dello spettacolo è come sempre la versatilità interpretativa di Barra, espressione di una napoletanità dal sapore antico e dalle sonorità contemporanee. Le sue canzoni sono intrise di magia e di folclore, racchiudendo in maniera impareggiabile l’intero patrimonio culturale partenopeo.

Voce e dialetto sono i principali strumenti di lavoro di Peppe Barra. La sua voce gli consente di raggiungere in scena risultati mirabili. Personaggio sempre autentico, nella vita e sulla scena, artista puro, custode indiscusso della nostra tradizione popolare. Poliedrico e appassionato della vita, prima ancora che dell’arte, estro geniale in grado di trasmettere al suo pubblico un magma incandescente di emozioni, dalla risata più sonora alla commozione più autentica.

Suoi prezioso collaboratori sono Paolo Del Vecchio (chitarra e mandolino), Luca Urciuolo (pianoforte e fisarmonica), Ivan Lacagnina (percussioni), Sasà Pelosi (basso) e Giorgio Mellone (violoncello).

BIGLIETTI: Interi: da 15 euro a 25 euro, più prevendita

Giovani: under 30: 8 euro; under 18: 5 euro

INFO per il pubblico: tel. 06 3610051/52 www.concertiiuc.it - [email protected]

24 maggio 2018

MaTeMArT - MaTeMù e Arco di Gallieno insieme per l'arte

LABORATORI D'ARTE aperti a tutte/i senza limiti di età!
I mesi di aprile e maggio MaTeMù si dedica alle arti visive.

Gli artisti dell'Ass. Arco di Gallieno realizzeranno otto laboratori di pittura, scultura e arti figurative, con diverse tecniche.

Dal 12 aprile, tutti i giovedì e venerdì, LABORATORI di ARTI VISIVE dalle 15:30 alle 19:00.
GLI INCONTRI SONO GRATUITI e APERTI A TUTTE LE FASCE D'ETA' (dagli 11 anni in su).

Per info e prenotazioni puoi contattarci tramite messaggio privato qui su facebook indicando il laboratorio che ti interessa.

 24-25 Maggio
▶ MICHELIN BEDOUIN
SELFIE. 
Laboratorio fotografico sull’autoritratto. Partendo dai lavori dell’artista su persone che si fotografano, si giocherà su come mettersi in scena sulle tecniche di luce e di editing con photoshop. 

- ore 16. 30

Raccontando i restauri. La seconda vita di alcune opere della Centrale Montemartini

a cura di Barbara Nobiloni

ciclo di conferenze MIX - Musei Capitolini - Oggi Parliamo di ... 

Ripartono le iniziative culturali diMix – Incontriamoci al Museo con un calendario ricco di appuntamenti a tema

Ogni giovedì dal 12 aprile le conferenze a ingresso gratuito Musei Capitolini - Oggi parliamo di… a cura della Sovrintendenza Capitolina

 

Roma, 9 aprile 2018 – Dopo il successo degli eventi della fine del 2017 (ottobre – dicembre), il 12 aprile riparteMIX – Incontriamoci al museo, il progetto di attività finalizzate alla valorizzazione del patrimonio artistico museale e al coinvolgimento del pubblico promosso da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, con l’organizzazione di Zètema Progetto Cultura (il progetto è stato finanziato dalla Regione Lazio con la legge n. 26 del 23 ottobre 2009, avviso pubblico finalizzato allo sviluppo dei sistemi di servizi culturali).

 

Il nuovo percorso tematico Musei Capitolini – Oggi parliamo di… accompagnerà i visitatori fino al 14 giugno e si occuperà di approfondire tematiche e argomenti ispirati dalle collezioni permanenti dei Musei Capitolini e della Centrale Montemartini. I convegni, a cura del personale della Sovrintendenza Capitolina, saranno in programma ogni giovedì dalle 16.30 alle 18.00 e affronteranno affascinanti argomenti come il Museo Capitolino nella Roma del ’700 (12 aprile) così come appariva agli occhi dell’archeologo Winckelmann, protagonista della mostra Il Tesoro di Antichità. Winckelmann e il Museo Capitolino nella Roma del Settecento in programma fino al 20 maggio.

 

Sarà proprio il convegno su questo tema a inaugurare il calendario che proseguirà poi con i seguenti appuntamenti: Gli affreschi di Cavalier d’Arpino nella Sala Orazi e Curiazi: genesi, tecnica e restauro (19 aprile),Benedetto XIV e Canova: l’acquisto del Gladiatore morente (Galata Capitolino) (26 aprile), Musei Capitolini: comunicare l’antico con le nuove tecnologie (10 maggio), Le origini di Roma nelle collezioni capitoline (17 maggio), Raccontando i restauri. La seconda vita di alcune opere della Centrale Montemartini (24 maggio),Come si organizza una mostra: una rara occasione per “curiosare dietro le quinte” (31 maggio), Roma ai tempi di Pio IX. Le ferrovie e lo sviluppo tecnologico-industriale della Roma Pontificia allo scorcio dell’Unità d’Italia (7 giugno) e La zingara, la santa e la sposa: le donne nei quadri della Pinacoteca Capitolina (14 giugno).

 

Le conferenze si svolgeranno nella Sala Pietro da Cortona della Pinacoteca Capitolina a eccezione degli incontri del 24 maggio e del 7 giugno che si terranno nella Sala del Treno alla Centrale Montemartini. Si potrà partecipare gratuitamente previa prenotazione al call center 060608. La partecipazione agli incontri non darà diritto alla visita dei Musei ospitanti, per la quale sarà necessario acquistare il biglietto all’ingresso.

 

Le attività di MIX! Incontriamoci al museo sono state suddivise in 7 percorsi tematici, 5 dei quali realizzati tra novembre e dicembre 2017. Nel corso dei mesi si sono alternati incontri con scrittori di prestigio e disegnatori di successo, esperienze multiculturali e performance di arte contemporanea mentre un ricco calendario di visite guidate e convegni a tema ha permesso al pubblico di conoscere, attraverso metodi di fruizione alternativi, le collezioni museali e i territori della nostra città.

Musei Capitolini – Oggi parliamo di… (aprile – giugno 2018) sarà il penultimo percorso di una programmazione che si concluderà con Il Campidoglio da riscoprire in programma a Ottobre 2018.

PROGRAMMA

“MUSEI CAPITOLINI. OGGI PARLIAMO DI…”

CONFERENZE

Prenotazione obbligatoria allo 060608 - La partecipazione agli incontri non darà diritto alla visita dei Musei ospitanti, per la quale sarà necessario acquistare il biglietto all’ingresso.

24 maggio 2018 ore 16.30 | Centrale Montemartini. Sala del Treno

Raccontando i restauri. La seconda vita di alcune opere della Centrale Montemartini

a cura di Barbara Nobiloni

31 maggio 2018 ore 16.30 | Musei Capitolini. Sala Pietro da Cortona

Come si organizza una mostra: una rara occasione per “curiosare dietro le quinte”

a cura di Daniela Tabò ed Eloisa Dodero

7 giugno 2018 ore 16.30 | Centrale Montemartini. Sala del Treno

Roma ai tempi di Pio IX. Le ferrovie e lo sviluppo tecnologico-industriale della Roma Pontificia allo scorcio dell’Unità d’Italia

a cura di Serena Guglielmi

14 giugno 2018 ore 16.30 | Musei Capitolini. Sala Pietro da Cortona

La zingara, la santa e la sposa: le donne nei quadri della Pinacoteca Capitolina

a cura di Sergio Guarino

Info

Tel 060608 - www.museiincomuneroma.it

Facebook @Museiincomuneroma

Twitter @museiincomune

#MIXMIC

- ore 18

MANI - prima edizione

con le opere di

Bato Leonardo Blanco Lorenzo Bruschini

Lucianella Cafagna Chiara Caselli Alessio Deli

Fantini Andrea Gallo Gianlorenzo Gasperini

Vittorio Iavazzo Arianna Matta Claire Piredda

Nicola Pucci Massimo Pulini Vera Rossi

Alessandro Sicioldr Luca Zarattini

Vernissage e cocktail: giovedì 24 e venerdì 25 maggio 2018

dalle 18.00 alle 22.30

RvB Arts - Via delle Zoccolette 28, 00186 Roma

Antiquariato Valligiano - Via Giulia 193, 00186 Roma

la mostra resterà aperta fino a sabato 22 settembre

orari: 11:00-13:30 e 16:00-19:30; domenica e lunedì chiuso

Curatrice e organizzazione: Michele von Büren di RvB Arts

Testo critico: Luisa Grigoletto info 3351633518 | www.rvbarts.com

RvB Arts è lieta di presentare MANI (acronimo di Manualità Armonia Narrazione Italiana), una mostra collettiva che inaugura e allo stesso tempo corona un progetto a lungo termine della galleria: si terrà, infatti, con cadenza annuale, a maggio, con l'intento di presentare una filosofia creatasi attorno ad un gruppo di artisti, e incentrata su alcuni punti cardine che hanno guidato le scelte curatoriali della galleria fin dal principio. In particolare, la predilezione per giovani artisti italiani accomunati da una spiccata capacità tecnica, che cercano di aggirare le tendenze più recenti dell'arte contemporanea e riportare l'attenzione su elementi più tradizionali, come la maestria tecnica e l'armonia estetica, quali fattori fondanti dell'opera d'arte.

Tutti gli artisti di MANI, interpreti di una figuratività o gestualità armoniosa, vantano una solida formazione artistica, una costante pratica nel settore e un distintivo linguaggio personale, e sono quindi interpreti di quel desiderio di riportare al centro dell'arte l'emozione e la bellezza.

Con il ripetersi della collettiva ogni maggio, la galleria si propone di includere un numero sempre maggiore di artisti che operano in sintonia con questo progetto, che si fa interprete e promotore di una rinata manualità italiana.

MANI vuole anche mettere il focus sulla ricca e sempre più apprezzata attività di talent scout della galleria RvB ARTS. Infatti molti dei suoi artisti hanno vinto importanti premi e partecipato a prestigiosi eventi internazionali, ottenendo riconoscimenti condivisi dalla critica e dal mercato.

Per la prima edizione, la galleria ha selezionato artisti già ben noti al suo pubblico romano come il pittore e scultore Bato, fresco del successo della sua mostra personale Jungle; Lorenzo Bruschini, noto per opere che coniugano la dimensione del sogno e del mito; la pittrice Lucianella Cafagna, annoverata dall'Enciclopedia Treccani tra i venti artisti contemporanei più rilevanti del panorama italiano; la fotografa Chiara Caselli, appena rientrata dalla partecipazione alla prestigiosa Biennale di Fotografia di Mosca, unica fotografa italiana accanto a Jodice, Berengo Gardin e Marsili Libelli; Fantini, che partecipa con le sue sculture in bronzo e pietra normalmente esposte esclusivamente a Parigi; Andrea Gallo, vincitore del Young At Art 2015 e con un'opera nel Museo di Arte Contemporanea Roberto Bilotti Ruggi d'Aragona di Rende; Gianlorenzo Gasperini, le cui opere sono state parte della collezione permanente dell'Opera Gallery di New York; Arianna Matta, pittrice romana appena conclusa la sua prima personale a Parigi; Claire Piredda, scultrice che fa uso di argilla grezza di Calcata, antico borgo dove vive e lavora; Vera Rossi, selezionata quest'anno per una personale alla Mia Photo Fair di Milano e adesso artista della Galleria Forni di Bologna; e Luca Zarattini, giovane pittore già vincitore di importanti premi e finalista al prestigioso Premio Lissone 2014.

La mostra comprende anche due giovanissimi talenti recentemente aggiunti alla scuderia della galleria: Alessandro Sicioldr, che ha già attirato l’attenzione internazionale; e lo scultore napoletano Vittorio Iavazzo che presenterà per la prima volta le sue figure umane di cartapesta a grandezza naturale.

Nicola Pucci invece torna in galleria con nuove opere che confermano la sua tecnica sapiente che ha attirato l'attenzione di commercianti d'arte di fama mondiale, come Larry Gagosian, e di intenditori come lo è stato Carlo Bilotti, rinomato collezionista d'arte. Lo scultore Alessio Deli, che ha opere collocate in numerosi spazi pubblici, partecipa con le sue ricercate sculture realizzate mediante l'assemblaggio e la modellazione di materiali riciclati; mentre Leonardo Blanco, vincitore di numerosi premi e concorsi con opere in mostra permanente nella Repubblica di San Marino e all'estero, presenta le sue opere avvolte con le resine industriali.

In questa occasione ci sarà anche la straordinaria partecipazione di Massimo Pulini, artista e storico dell'arte, docente di pittura all'Accademia di Belle Arti di Bologna, attualmente Assessore alla Cultura del Comune di Rimini. Ha esposto dal 1976 in sedi private e pubbliche italiane e internazionali quali Villa Adriana di Tivoli, le Scuderie del Quirinale, la Galleria Nazionale di Parma e l'Istituto Italiano di Cultura di Londra.

Michele von Büren: creatrice di RvB Arts; www.rvbarts.com - [email protected] Ufficio stampa: Caterina Falomo; tel 346.8513723; [email protected]

- ore 18.30

Dalla parte di Swann - di Marcel Proust

Carlo Colognese proseguirà nella lettura del capolavoro di Proust, e nella condivisione di idee e suggestioni che il libro fa scaturire.

Libreria Adeia
Corso del Popolo 46 - Grottaferrata (RM)

- ore 18.30
Tour alla scoperta di Hidden Beauty, una mostra diffusa.

HIDDEN BEAUTY Anna Hulačová, Krištof Kintera, Pavla Sceranková, Richard Wiesner

a cura di Marina Dacci e Krištof Kintera

Opening sabato 24 marzo 2018 | ore 16 - 20 24 marzo > 19 maggio 2018

z2o Sara Zanin Gallery è lieta di presentare Hidden Beauty, mostra collettiva a cura di Marina Dacci e Krištof Kintera con lavori di Anna Hulačová, Krištof Kintera, Pavla Sceranková e Richard Wiesner. Per la prima volta un progetto esce dagli spazi della galleria disseminando alcune opere in luoghi desueti. Kintera, artista e co-curatore del progetto, inserisce frequentemente i suoi lavori in spazi non istituzionali. L’idea è offrire allo spettatore, con lievità e ironia, un percorso in luoghi praticati con altre finalità, per allenare l’occhio a cercare quella bellezza per così dire “a portata di mano”. Perché alla fine è sempre una questione di attitudine dello sguardo. Camminiamo ogni giorno dando per scontato ciò che popola il nostro mondo domestico che crediamo di conoscere e di controllare mettendo ogni cosa al suo posto. Gli oggetti, le immagini non ci sorprendono più, o lo fanno raramente, perché assorbite e collocate nelle nostre ordinarie rassicuranti mappe cognitive. Qualche volta accade però che ci domandiamo se la bellezza, nel nostro quotidiano, è un bene necessario e di quale tipo di bellezza abbiamo bisogno. Dove e come cercarla. Quattro artisti di Praga, con indagini e esiti formali diversi, lo raccontano in questa mostra con le loro opere che parlano di posture di ricerca, ma soprattutto di che cosa la Bellezza rappresenti per loro. La mostra è un piccolo teatro di sguardi e artefatti diversi, in parte complementari, che hanno però un denominatore comune: la tensione, il bisogno di riscoprire e inventare ogni giorno una qualche nuova forma di Bellezza, per sentirsi “al mondo” e conviverci in modi anche inaspettati. Non ci interessa dare una etichetta a “che cosa è Bellezza”– sono stati scritti fiumi di parole sull'argomento – ma come poter usare occhi nuovi per scoprire quella bellezza nascosta che spesso non vediamo o non consideriamo come parte fondante della nostra esistenza. Si tratta di una bellezza, a volte con la “b” maiuscola ma il più delle volte minuscola, rintracciabile in trascurabili dettagli e/o in umili situazioni in cui la nostra memoria, l’immaginazione, il sogno, la sperimentazione ci aiutano a restituirle un significato universale, seppur attraverso canoni soggettivi, un significato altamente validante e non stereotipato su ciò che ci fa sentire di poter vivere un'esperienza autentica. Anche per questa ragione parte della mostra, per i lavori di uno degli artisti presenti, si propone come una “caccia al tesoro” in luoghi insospettabili in cui recarsi e nei quali indossare “occhiali nuovi”. Z2O Sara Zanin Gallery |via della Vetrina 21, 00186 Roma | T. +39 06 70452261 | www.z2ogalleria.it | [email protected] Orario di apertura: da martedì a sabato 13:00 - 19:00 (o su appuntamento) Bellezza dunque può essere una validazione di ciò che chiamiamo esperienza soggettiva vissuta in modo consapevole. Bellezza può essere un incontro fertile, un matrimonio felice tra ciò che è dentro di noi e ciò che ci circonda e ci viene incontro. Bellezza è la capacità di restituire poesia e liricità a mondi governati da regole tecnologiche e scientifiche; bellezza è rimettere al mondo oggetti comuni e appartenenti a vite ordinarie facendo loro crescere radici e nuovi rami, aprendo una riflessione su spazio e tempo, personale e universale: categorie con cui diamo valore e misura alla nostra esistenza. La ricerca della Bellezza è – sempre e comunque – ricerca di Verità e, per questo, dà un senso speciale alla nostra vita. La ricerca di Krištof Kintera (1973) è focalizzata sulle possibili forme di bellezza “sintetica” che nascono da scarti e assemblaggi di oggetti e di produzioni tecnologiche a cui l’artista mira conferire un’aura lirica rispetto alla loro funzione originaria. Nelle sue opere natura naturale (che ormai abbiamo perduto inesorabilmente), cultura e tecnologia dialogano spesso con esiti amari e ironici nel quadro di una profonda interrogazione politica e sociale. Anna Hulačová (1984), cerca un compromesso fertile e conciliante, anche se sofferto, col mondo naturale e semplice legato alle sue radici culturali. Gli esiti della sua ricerca coniugano passato e presente, inglobando nel suo lavoro elementi iconografici delle antiche tradizioni popolari a materiali sperimentali legati alla tecnologia odierna. Esperienza individuale del mondo circostante, incubazione della percezione nella memoria, consapevolezza della percezione, sono i temi cari alla ricerca di Pavla Sceranková (1980) in un dialogo costante con la ricerca scientifica che, tuttavia, non sottrae poesia ai suoi lavori, spesso creati e costituiti partendo da oggetti del quotidiano, talvolta proposti in modo interattivo con lo spettatore. Richard Wiesner (1976) si appropria di oggetti rinvenuti in un appartamento il cui anziano proprietario desidera non siano fatti perire con lui. Ecco allora che li incapsula, li cristallizza e li propone come lenti per uno sguardo sulla memoria di una vita individuale, trasformandoli al contempo in artefatti emblematici che guardano al futuro. Si ringraziano per la collaborazione entusiasta: Monkey Cycles Abiti Usati Roma Centro Sicurezza Pasticceria La Deliziosa Moves Fitness Fres&Co Alimentari Italiano Albero Antico Bonsai Antica Libreria Cascianelli

z2o Sara Zanin Gallery - Via della Vetrina 21, 00186 Roma T +39 06 70452261
[email protected] z2ogalleria.it 

Opening Hours: Tue - Sat 1 - 7 pm (or by appointment)  

25 Maggio 2018

- ore 18

La Biennale d'Arte di Pomezia 2018

Mostra d'Arte Contemporanea. Pittura, Scultura, Fotografia Artistica.

dettagli per l'accesso al concorso

https://pleiadiarte.blogspot.it/2018/03/al-via-la-vi-ed-della-biennale-darte-di.html?spref=fb

- ore 19:30

Nuovelle semence. Mostra fotografica di Giovanni Marrozzini

Inaugurerà venerdì 25 maggio alle ore 19:30, presso la sede del WSP photography, la mostra fotografica di Giovanni Marrozzini “Nouvelle Semence”. Nel corso dell’incontro il fotografo ci racconterà la genesi e la storia del suo lavoro.

Una leggenda africana narra che le streghe esistono e che di notte si radunano sui grandi alberi in mezzo ai campi; di notte le streghe avvolgono la terra in una grande ragnatela: un capo del filo lo tengono in mano, l’altro passa su tutti gli alberi del mondo. Se una persona prova ad aprire la porta per uscire, urta la ragnatela, le streghe se ne accorgono e si dileguano spaventate nelle tenebre. Il seme appena fiorito è quello di un grande albero che osserva dall’alto l’eterna sfida tra uomo e natura.

Le persone fotografate sono i protagonisti di un progetto ambizioso realizzato con la collaborazione della Comunità internazionale di Capodarco e del Ministero degli Affari Esteri italiano. Ad Akonolinga (Camerun) è nata la prima cooperativa agricola. È nata per rendere possibile un riscatto: poter vendere a prezzi equi i prodotti della propria terra e dare vita ad una forza solidale, laddove le difficoltà ambientali, lo sfruttamento, l’isolamento, hanno condizionato negativamente la vita di intere comunità.
Giovanni Marrozzini nasce a Fermo nel 1971, la prima volta. Rinasce a Malta nel 2001 per merito dell’amico Andrea, che gli regala una poesia. Infine nasce in Zambia, dopo un attacco di malaria cerebrale, nel 2003. All’inizio fotografa per caso; da dilettante fotografa per professione. Da professionista fotografa per passione e per necessità espressiva. Aiuta le storie che incontra a evadere dai labirinti, assecondando le loro richieste. In Argentina conosce la Fata Turchina, in Camerun incontra Mosé. Vive in camper per un anno, senza dar segni rilevanti di instabilità mentale (o almeno così gli pare). È caparbio, istintuale, entusiasta. E possiede tre tesori: Mary, Leone e Francesco, in rigoroso ma provvisorio ordine di altezza. Ulisse, l’amato cane, se ne è andato per sempre quando il suo padrone è tornato da ITAca.
Da sempre appassionato di letteratura, nel 2015 dà vita al progetto Parolamia, un’iniziativa culturale che si fonda sul baratto. In collaborazione con la libreria Hoepli scambia le sue immagini (in tiratura limitata) con libri nuovi di letteratura, storia e arte, iniziando a creare così una biblioteca per i suoi figli e altre biblioteche in giro per il Mondo laddove avverte ce ne sia il bisogno.

In occasione dell’inaugurazione della mostra, Giovanni Marrozzini terrà anche il workshop “Alle fonte dell’altro”, che si svolgerà presso WSP Photography il 26 e il 27 maggio.

La mostra sarà esposta fino al 13 giugno 2018 e visitabile dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 21.
Ricordiamo che WSP photography è un’associazione culturale. L’ingresso alla mostra è gratuito e riservato ai soci ENAL. È possibile tesserarsi il giorno stesso dell’evento (costo 3€). In occasione dell’inaugurazione la tessera è gratuita.

WSP PHOTOGRAPHY

via Costanzo Cloro 58
00145 ROMA (Metro B San Paolo)
cell. 328 1795463
e-mail [email protected]

ORARIO

Da lunedì a venerdì: 19:00 - 21:30
Sabato aperto in occasione
di iniziative ed eventi
Domenica chiuso

Sabato 26 maggio 2018

- 11.30

Beethoven, Chopin, Liszt e Brahms col pianista Pierini a Note inBiblioteca della IUC

Sabato 26 maggio alle 11.30 presso la Biblioteca “Vaccheria Nardi” (via Grotta di Gregna 37, Roma, tel. 0645460491) un nuovo incontro musicale ad INGRESSO GRATUITO del ciclo “Note in Biblioteca”, organizzato dalla IUC - Istituzione Universitaria dei Concerti. Il pianista Simone El Oufir Pierini suonerà alcuni capolavori dei maggiori compositori di musica per pianoforte dell’Ottocento da Beethoven a Brahms, passando per Chopin e Liszt.

Nato a Roma nel 1996, Pierini si diploma in pianoforte a diciotto anni presso il Conservatorio di Musica “S. Cecilia” con il massimo dei voti, lode e menzione d’onore. Il 2012 segna l’avvio della sua carriera concertistica con un concerto al secondo pianoforte accanto al pianista cinese Lang Lang al “Parco della Musica” di Roma. Ha poi suonato al Festival Internazionale di Portogruaro, alla IUC, all’Accademia Filarmonica Romana, al Teatro La Fenice di Venezia e presso altre importanti organizzazioni musicali.

Il concerto inizia con la Sonata in do maggiore op. 2 n. 3 di Ludwig van Beethoven, a cui seguono laBallata n. 3 in la bemolle maggiore op. 47 di Frédéric Chopin, le Variazioni su un tema di Paganini op. 35, libro I di Johannes Brahms, tre degli Studi op. 10 ancora di Chopin e infine la Parafrasi da concerto sul Rigoletto di Verdi di Franz Liszt

Introduce all’ascolto Costanza Tuzi, specializzanda in musicologia all’Università “Sapienza” di Roma.

Questi incontri musicali nelle biblioteche di Roma Capitale sono organizzati dalla IUC – Istituzione Universitaria dei Concerti in collaborazione con Sapienza Università di Roma e Biblioteche di Roma.

Mercoledì 30 maggio 2018

- ore 19

Serata in omaggio al noto scrittore e filosofo ungherese Béla Hamvas

Mercoledì 30 maggio p.v. presso l’Accademia d’Ungheria in Roma (Palazzo Falconieri – Via Giulia, 1) alle ore 19.00 si terrà una Serata in omaggio al noto scrittore e filosofo ungherese Béla Hamvas (1897-1968) , in occasione del cinquantenario della sua morte.

Nell’ambito della serata organizzata in collaborazione con il Comune di Balatonfüred, verrà presentato il volume Alberi di Béla Hamvas (Editio M, traduzione di Claudio Mutti) da Géza Szőcs poeta, Presidente del PEN Club Ungherese e Tommaso Kemény, poeta, traduttore. Lettura a cura di Carla Romanelli.

All’evento seguirà un breve concerto del noto chitarrista ungherese Ferenc Snétberger.

La commemorazione alle ore 20.00 proseguirà sul Piano Nobile del Palazzo Falconieri con l’inaugurazione di due mostre :I nostri amici, gli alberi – Hamvas e Hollán – grafiche di Sándor Hollán e Gli alberi eroici - fotografie di Zsolt Számódy.

Al vernissage seguirà una degustazione di vini della regione del lago Balaton.

Béla Hamvas (1897-1968)

scrittore, filosofo premio Kossuth. Completa i suoi studi presso l’Università Péter Pázmány (letteratura ungherese e tedesca). Esordisce nel 1919-20 pubblicando alcuni articoli sulla rivista Tavasz (Primavera) di Bratislava e poi su Budapesti Hìrlap, Szózat. Tra il 1927-45 lavora come bibliotecario ma continua a pubblicare studi, essai, critiche e recensioni, circa 300 scritti su 25 riviste. Il suo primo romanzo viene pubblicato nel 1928-29. Nel 1935 insieme all’amico Károly Kerényi (il noto studioso di mitologia greca) fonda e dirige all’Università di Szeged, Sziget (Isola), rivista della “filosofia della vita”, cui aderirà tra gli altri anche Antal Szerb. Durante la II Guerra mondiale oltre a prestare servizio militare, traduce Lao-ce, Jakob Bühme, Eraclito, Confuzio, Henoch. Nel 1934-44 esce il suo volume Scientia Sacra I. Dal 1945 è redattore della collana di studi Egyetemi Nyomda kis tanulmányai. Tra il 1948-51 viene messo sulla famosa lista di proscrizione (lista B) del Partito Comunista Ungherese e non può più né pubblicare né svolgere attività di redazione, tuttavia continua a scrivere e tradurre. Dopo la sua morte avvenuta nel 1968, negli anni ’70 le copie dei suoi manoscritti e dattilografie cominciano a girare di nascosto. Negli anni ’80 le sue opere vengono riscoperte e nel 1990 riceve postumo il Premio Kossuth, nel 1996 il Premio dell’Eredità Ungherese.

31 MAGGIO 2018

MaTeMArT - MaTeMù e Arco di Gallieno insieme per l'arte

LABORATORI D'ARTE aperti a tutte/i senza limiti di età!
I mesi di aprile e maggio MaTeMù si dedica alle arti visive.

Gli artisti dell'Ass. Arco di Gallieno realizzeranno otto laboratori di pittura, scultura e arti figurative, con diverse tecniche.

Dal 12 aprile, tutti i giovedì e venerdì, LABORATORI di ARTI VISIVE dalle 15:30 alle 19:00.
GLI INCONTRI SONO GRATUITI e APERTI A TUTTE LE FASCE D'ETA' (dagli 11 anni in su).

Per info e prenotazioni puoi contattarci tramite messaggio privato qui su facebook indicando il laboratorio che ti interessa.

- ore 16. 30

Come si organizza una mostra: una rara occasione per “curiosare dietro le quinte”

a cura di Daniela Tabò ed Eloisa Dodero

 

ciclo di conferenze MIX - Musei Capitolini - Oggi Parliamo di ... 

Ripartono le iniziative culturali diMix – Incontriamoci al Museo con un calendario ricco di appuntamenti a tema

Ogni giovedì dal 12 aprile le conferenze a ingresso gratuito Musei Capitolini - Oggi parliamo di… a cura della Sovrintendenza Capitolina

 

Roma, 9 aprile 2018 – Dopo il successo degli eventi della fine del 2017 (ottobre – dicembre), il 12 aprile riparteMIX – Incontriamoci al museo, il progetto di attività finalizzate alla valorizzazione del patrimonio artistico museale e al coinvolgimento del pubblico promosso da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, con l’organizzazione di Zètema Progetto Cultura (il progetto è stato finanziato dalla Regione Lazio con la legge n. 26 del 23 ottobre 2009, avviso pubblico finalizzato allo sviluppo dei sistemi di servizi culturali).

 

Il nuovo percorso tematico Musei Capitolini – Oggi parliamo di… accompagnerà i visitatori fino al 14 giugno e si occuperà di approfondire tematiche e argomenti ispirati dalle collezioni permanenti dei Musei Capitolini e della Centrale Montemartini. I convegni, a cura del personale della Sovrintendenza Capitolina, saranno in programma ogni giovedì dalle 16.30 alle 18.00 e affronteranno affascinanti argomenti come il Museo Capitolino nella Roma del ’700 (12 aprile) così come appariva agli occhi dell’archeologo Winckelmann, protagonista della mostra Il Tesoro di Antichità. Winckelmann e il Museo Capitolino nella Roma del Settecento in programma fino al 20 maggio.

 

Sarà proprio il convegno su questo tema a inaugurare il calendario che proseguirà poi con i seguenti appuntamenti: Gli affreschi di Cavalier d’Arpino nella Sala Orazi e Curiazi: genesi, tecnica e restauro (19 aprile),Benedetto XIV e Canova: l’acquisto del Gladiatore morente (Galata Capitolino) (26 aprile), Musei Capitolini: comunicare l’antico con le nuove tecnologie (10 maggio), Le origini di Roma nelle collezioni capitoline (17 maggio), Raccontando i restauri. La seconda vita di alcune opere della Centrale Montemartini (24 maggio),Come si organizza una mostra: una rara occasione per “curiosare dietro le quinte” (31 maggio), Roma ai tempi di Pio IX. Le ferrovie e lo sviluppo tecnologico-industriale della Roma Pontificia allo scorcio dell’Unità d’Italia (7 giugno) e La zingara, la santa e la sposa: le donne nei quadri della Pinacoteca Capitolina (14 giugno).

 

Le conferenze si svolgeranno nella Sala Pietro da Cortona della Pinacoteca Capitolina a eccezione degli incontri del 24 maggio e del 7 giugno che si terranno nella Sala del Treno alla Centrale Montemartini. Si potrà partecipare gratuitamente previa prenotazione al call center 060608. La partecipazione agli incontri non darà diritto alla visita dei Musei ospitanti, per la quale sarà necessario acquistare il biglietto all’ingresso.

 

Le attività di MIX! Incontriamoci al museo sono state suddivise in 7 percorsi tematici, 5 dei quali realizzati tra novembre e dicembre 2017. Nel corso dei mesi si sono alternati incontri con scrittori di prestigio e disegnatori di successo, esperienze multiculturali e performance di arte contemporanea mentre un ricco calendario di visite guidate e convegni a tema ha permesso al pubblico di conoscere, attraverso metodi di fruizione alternativi, le collezioni museali e i territori della nostra città.

Musei Capitolini – Oggi parliamo di… (aprile – giugno 2018) sarà il penultimo percorso di una programmazione che si concluderà con Il Campidoglio da riscoprire in programma a Ottobre 2018.

PROGRAMMA

“MUSEI CAPITOLINI. OGGI PARLIAMO DI…”

CONFERENZE

Prenotazione obbligatoria allo 060608 - La partecipazione agli incontri non darà diritto alla visita dei Musei ospitanti, per la quale sarà necessario acquistare il biglietto all’ingresso.

 

31 maggio 2018 ore 16.30 | Musei Capitolini. Sala Pietro da Cortona

Come si organizza una mostra: una rara occasione per “curiosare dietro le quinte”

a cura di Daniela Tabò ed Eloisa Dodero

7 giugno 2018 ore 16.30 | Centrale Montemartini. Sala del Treno

Roma ai tempi di Pio IX. Le ferrovie e lo sviluppo tecnologico-industriale della Roma Pontificia allo scorcio dell’Unità d’Italia

a cura di Serena Guglielmi

14 giugno 2018 ore 16.30 | Musei Capitolini. Sala Pietro da Cortona

La zingara, la santa e la sposa: le donne nei quadri della Pinacoteca Capitolina

a cura di Sergio Guarino

Info

Tel 060608 - www.museiincomuneroma.it

Facebook @Museiincomuneroma

Twitter @museiincomune

#MIXMIC

**************************************************

GIUGNO 2018

**************************************************

1 giugno 2018

- ore 18

Metamorfosi- Mutatas Dicere Formas
1 – 10 GIUGNO 2018

Galleria Theodora – Frascati

Officine Incisorie in occasione del bimillenario della morte di Ovidio, dedica il tema dell’esposizione alla sua opera più famosa: “Le Metamorfosi”.
A Ciampino, vicino Roma, nell’estate del 2012 durante gli scavi in un terreno destinato ad edilizia privata, si rinvengono i resti della Villa di Valerio Messala Corvino (64 a.C – 8 d.C.), famoso generale romano ma soprattutto mecenate illustre di Ovidio.
È proprio durante gli scavi che vengono alla luce sette statue collocate in quella che doveva essere la piscina della villa, ornata internamente da mosaici e sul bordo dalle sculture che rappresentano le 7 figlie di Niobe.
Pare che Ovidio, frequentatore della Villa di Valerio Messala Corvino, ove erano soliti radunarsi i letterati legati alla corte di Augusto, abbia preso ispirazione proprio da queste statue per la sua celebre opera.

Partendo da questi ritrovamenti, l’Associazione ha promosso un nuovo bando espositivo: gli artisti che hanno aderito hanno rappresentato nelle loro opere calcografiche il proprio concetto di “Metamorfosi” ispirandosi al testo e alla figura di Ovidio.

La mostra sarà allestita presso le sale della Galleria Theodora, in via XX Settembre 38 a Frascati e sarà aperta tutti i giorni dalle 9.30 alle 13,00 e dalle 16,30 alle 19,30. L’ inaugurazione si terrà venerdi 1 giugno alle ore 18.00.

Espongono:

Marianna Antonacci, Linda Aquaro, Antonella Linda Barone, Jocelyne Benoit, Laura Bertazzoni,  Maria Rosanna Cafolla, Anna Laura Cartocci, Fausto De Marinis, Luciana De Simoni, Michela di Carlo, Maria Cristina Fasulo, Giuseppina Goglia, Antonina Grassi, Laura Grusovin,Valeria Luccioni, Laura Martini, Gina Marziale, Paolo Mayol, Liliana Morico, Ermenegilda Renzi, Emanuele Scalcino, Alessio Serpetti, Domenico Siccardi, Lisa Sorba, Laura Stor, Luisa Tinazzi e Gianni Vernì.

- ore 18.30

Kazuki Takamatsu

Doroty circus

Dorothy Circus Gallery ROME
Via dei Pettinari 76
00186 Rome – Italy

D.C.G. Opening Hours:
Lun 10:30-18,30/Mon 10:30 am-6:30 pm
Mar 10:30-19:30/Tue 10:30 am-7:30 pm
Merc-Gio-Ven 11:30-19:30/Wed-Thu-Fri 10:30 am-7:30 pm
Sab. 11:30-20:00/Sat 11:30 am-8:00 pm

[email protected]

www.dorothycircusgallery.com

Kazuki Takamatsu nasce nel 1978 a Sendai, in Giappone, dove vive e lavora. Sendai è noto per il suo paesaggio pittoresco e per il suo alto tasso di suicidi, un dualismo che emerge nelle opere malinconiche dell’artista.
Le opere di Takamatsu, ispirate dai fumetti giapponesi, sono create attraverso livelli di gouache bianca e traslucida che pare galleggiare sopra uno sfondo nerissimo. Le sue figure femminili come ologrammi sembrano create digitalmente ma sono eseguite interamente a mano. L’artista infatti utilizza un software di “depth-mapping” per parcellizzare ogni immagine in pixel. Il procedimento dell’artista fonde insieme disegno classico, aerografo e pittura gouache con la grafica digitale, facendo apparire ogni singolo pixel come una sfumatura di grigio che è proporzionale alla distanza da cui lo si osserva. Questo metodo offre all’artista la capacità di ottenere una incredibile profondità nello spazio e un effetto ottico disorientante. 
Kazuki Takamatsu ha esposto le sue opere in gallerie internazionali, in Asia, USA e Europa. Tra le sue più recenti pubblicazioni si ricorda la monografia “Hello Here I am”, la sua partecipazione a “Turn the Page” al Virginia Museum of Contemporary Art (MOCA) e la mostra “Cross The Streets” al MACRO Museo di Arte Contemporanea a Roma nel 2017.

- ore 17:00
Alla scoperta di nemi
CONFERENZA

A cura di 

Locanda Specchio di Diana

Corso Vittorio Emanuele 13 - Nemi (RM)

7 giugno 2018

- ore 16. 30

Roma ai tempi di Pio IX. Le ferrovie e lo sviluppo tecnologico-industriale della Roma Pontificia allo scorcio dell’Unità d’Italia

a cura di Serena Guglielmi

ciclo di conferenze MIX - Musei Capitolini - Oggi Parliamo di ... 

Ripartono le iniziative culturali diMix – Incontriamoci al Museo con un calendario ricco di appuntamenti a tema

Ogni giovedì dal 12 aprile le conferenze a ingresso gratuito Musei Capitolini - Oggi parliamo di… a cura della Sovrintendenza Capitolina

 

Roma, 9 aprile 2018 – Dopo il successo degli eventi della fine del 2017 (ottobre – dicembre), il 12 aprile riparteMIX – Incontriamoci al museo, il progetto di attività finalizzate alla valorizzazione del patrimonio artistico museale e al coinvolgimento del pubblico promosso da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, con l’organizzazione di Zètema Progetto Cultura (il progetto è stato finanziato dalla Regione Lazio con la legge n. 26 del 23 ottobre 2009, avviso pubblico finalizzato allo sviluppo dei sistemi di servizi culturali).

 

Il nuovo percorso tematico Musei Capitolini – Oggi parliamo di… accompagnerà i visitatori fino al 14 giugno e si occuperà di approfondire tematiche e argomenti ispirati dalle collezioni permanenti dei Musei Capitolini e della Centrale Montemartini. I convegni, a cura del personale della Sovrintendenza Capitolina, saranno in programma ogni giovedì dalle 16.30 alle 18.00 e affronteranno affascinanti argomenti come il Museo Capitolino nella Roma del ’700 (12 aprile) così come appariva agli occhi dell’archeologo Winckelmann, protagonista della mostra Il Tesoro di Antichità. Winckelmann e il Museo Capitolino nella Roma del Settecento in programma fino al 20 maggio.

 

Sarà proprio il convegno su questo tema a inaugurare il calendario che proseguirà poi con i seguenti appuntamenti: Gli affreschi di Cavalier d’Arpino nella Sala Orazi e Curiazi: genesi, tecnica e restauro (19 aprile),Benedetto XIV e Canova: l’acquisto del Gladiatore morente (Galata Capitolino) (26 aprile), Musei Capitolini: comunicare l’antico con le nuove tecnologie (10 maggio), Le origini di Roma nelle collezioni capitoline (17 maggio), Raccontando i restauri. La seconda vita di alcune opere della Centrale Montemartini (24 maggio),Come si organizza una mostra: una rara occasione per “curiosare dietro le quinte” (31 maggio), Roma ai tempi di Pio IX. Le ferrovie e lo sviluppo tecnologico-industriale della Roma Pontificia allo scorcio dell’Unità d’Italia (7 giugno) e La zingara, la santa e la sposa: le donne nei quadri della Pinacoteca Capitolina (14 giugno).

 

Le conferenze si svolgeranno nella Sala Pietro da Cortona della Pinacoteca Capitolina a eccezione degli incontri del 24 maggio e del 7 giugno che si terranno nella Sala del Treno alla Centrale Montemartini. Si potrà partecipare gratuitamente previa prenotazione al call center 060608. La partecipazione agli incontri non darà diritto alla visita dei Musei ospitanti, per la quale sarà necessario acquistare il biglietto all’ingresso.

 

Le attività di MIX! Incontriamoci al museo sono state suddivise in 7 percorsi tematici, 5 dei quali realizzati tra novembre e dicembre 2017. Nel corso dei mesi si sono alternati incontri con scrittori di prestigio e disegnatori di successo, esperienze multiculturali e performance di arte contemporanea mentre un ricco calendario di visite guidate e convegni a tema ha permesso al pubblico di conoscere, attraverso metodi di fruizione alternativi, le collezioni museali e i territori della nostra città.

Musei Capitolini – Oggi parliamo di… (aprile – giugno 2018) sarà il penultimo percorso di una programmazione che si concluderà con Il Campidoglio da riscoprire in programma a Ottobre 2018.

PROGRAMMA

“MUSEI CAPITOLINI. OGGI PARLIAMO DI…”

CONFERENZE

Prenotazione obbligatoria allo 060608 - La partecipazione agli incontri non darà diritto alla visita dei Musei ospitanti, per la quale sarà necessario acquistare il biglietto all’ingresso.

7 giugno 2018 ore 16.30 | Centrale Montemartini. Sala del Treno

Roma ai tempi di Pio IX. Le ferrovie e lo sviluppo tecnologico-industriale della Roma Pontificia allo scorcio dell’Unità d’Italia

a cura di Serena Guglielmi

14 giugno 2018 ore 16.30 | Musei Capitolini. Sala Pietro da Cortona

La zingara, la santa e la sposa: le donne nei quadri della Pinacoteca Capitolina

a cura di Sergio Guarino

Info

Tel 060608 - www.museiincomuneroma.it

Facebook @Museiincomuneroma

Twitter @museiincomune

#MIXMIC

9 giugno 2018

- ore 6

Infiorata di Genzano


Il Comune di Genzano di Roma organizza dal lontano 1778 la Tradizionale Infiorata, una tra le manifestazioni a carattere religioso, storico e folcloristico più conosciute in Italia e nel mondo, che nel 2011 ha ricevuto il titolo di “Patrimonio d’Italia per la tradizione” da parte del ministero del Turismo.  
Giunta alla sua 240esima edizione, la Tradizionale Infiorata 2018 ha come obiettivo dare libera espressione ai realizzatori dei quadri infiorati permettendo loro di seguire la propria creatività artistica nel rispetto della tradizione. Dal 1982 tale tradizione vuole che, a dare ulteriore prestigio all’evento, l’Infiorata ospiti tra i suoi disegnatori, un artista di fama nazionale e internazionale, che è solito omaggiare la nostra città con un’opera unica, di grande pregio e valore, dando lustro, spessore e risonanza alla manifestazione stessa.
L’evento vuole sottolineare con l’arte d’infiorare dei suoi Maestri l’importante traguardo dei 240 anni. Il titolo di questa 240esima edizione sarà L’Infiorata di Genzano di Roma: 240 anni di storia, arte e tradizione; pertanto i Maestri Infioratori potranno anche ispirarsi ai grandi artisti del passato.​

10 giugno 2018

- ore 11

Musica sulla via Appia - Incontri con i maestri

​Via Appia Antica, 222, 00178 Roma RM, Italia

Domenica 8 aprile presso il sito archeologico di Capo di Bove nel Parco Archeologico dell'Appia Antica avrà luogo il primo incontro della rassegna Musica sulla Via Appia - Incontri con i Maestri, a cura dell’Associazione Culturale Rosso Rossini e di Agimus sezione Roma Est. Nei sei appuntamenti previsti, i Maestri dialogheranno con il pubblico coinvolgendo i giovani musicisti in un contesto culturale di grande suggestione.

Info e prenotazioni
[email protected]
tel. +39 347.3913235

Capo di Bove
via Appia Antica 222

Ingresso libero fino ad esaurimento posti
Si consiglia la prenotazione

10 giugno 2018 ore 11.00
Il duo pianoforte e chitarra
pianoforte Simonetta Pesaresi, chitarra Aldo Vianello

24 giugno 2018 ore 11.00
La Tempesta... e altri racconti
tenore Salvatore Fresta, chitarra dell'800 Antonio Aprile

08 luglio 2018 ore 11.00
Una chitarra dimenticata
voce recitante Laura De Luca,
chitarre Mauro Restivo e Luigi Picard

14 giugno 2018

- ore 16. 30

La zingara, la santa e la sposa: le donne nei quadri della Pinacoteca Capitolina

a cura di Sergio Guarino

ciclo di conferenze MIX - Musei Capitolini - Oggi Parliamo di ... 

Ripartono le iniziative culturali diMix – Incontriamoci al Museo con un calendario ricco di appuntamenti a tema

Ogni giovedì dal 12 aprile le conferenze a ingresso gratuito Musei Capitolini - Oggi parliamo di… a cura della Sovrintendenza Capitolina

 

Roma, 9 aprile 2018 – Dopo il successo degli eventi della fine del 2017 (ottobre – dicembre), il 12 aprile riparteMIX – Incontriamoci al museo, il progetto di attività finalizzate alla valorizzazione del patrimonio artistico museale e al coinvolgimento del pubblico promosso da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, con l’organizzazione di Zètema Progetto Cultura (il progetto è stato finanziato dalla Regione Lazio con la legge n. 26 del 23 ottobre 2009, avviso pubblico finalizzato allo sviluppo dei sistemi di servizi culturali).

 

Il nuovo percorso tematico Musei Capitolini – Oggi parliamo di… accompagnerà i visitatori fino al 14 giugno e si occuperà di approfondire tematiche e argomenti ispirati dalle collezioni permanenti dei Musei Capitolini e della Centrale Montemartini. I convegni, a cura del personale della Sovrintendenza Capitolina, saranno in programma ogni giovedì dalle 16.30 alle 18.00 e affronteranno affascinanti argomenti come il Museo Capitolino nella Roma del ’700 (12 aprile) così come appariva agli occhi dell’archeologo Winckelmann, protagonista della mostra Il Tesoro di Antichità. Winckelmann e il Museo Capitolino nella Roma del Settecento in programma fino al 20 maggio.

 

Sarà proprio il convegno su questo tema a inaugurare il calendario che proseguirà poi con i seguenti appuntamenti: Gli affreschi di Cavalier d’Arpino nella Sala Orazi e Curiazi: genesi, tecnica e restauro (19 aprile),Benedetto XIV e Canova: l’acquisto del Gladiatore morente (Galata Capitolino) (26 aprile), Musei Capitolini: comunicare l’antico con le nuove tecnologie (10 maggio), Le origini di Roma nelle collezioni capitoline (17 maggio), Raccontando i restauri. La seconda vita di alcune opere della Centrale Montemartini (24 maggio),Come si organizza una mostra: una rara occasione per “curiosare dietro le quinte” (31 maggio), Roma ai tempi di Pio IX. Le ferrovie e lo sviluppo tecnologico-industriale della Roma Pontificia allo scorcio dell’Unità d’Italia (7 giugno) e La zingara, la santa e la sposa: le donne nei quadri della Pinacoteca Capitolina (14 giugno).

 

Le conferenze si svolgeranno nella Sala Pietro da Cortona della Pinacoteca Capitolina a eccezione degli incontri del 24 maggio e del 7 giugno che si terranno nella Sala del Treno alla Centrale Montemartini. Si potrà partecipare gratuitamente previa prenotazione al call center 060608. La partecipazione agli incontri non darà diritto alla visita dei Musei ospitanti, per la quale sarà necessario acquistare il biglietto all’ingresso.

 

Le attività di MIX! Incontriamoci al museo sono state suddivise in 7 percorsi tematici, 5 dei quali realizzati tra novembre e dicembre 2017. Nel corso dei mesi si sono alternati incontri con scrittori di prestigio e disegnatori di successo, esperienze multiculturali e performance di arte contemporanea mentre un ricco calendario di visite guidate e convegni a tema ha permesso al pubblico di conoscere, attraverso metodi di fruizione alternativi, le collezioni museali e i territori della nostra città.

Musei Capitolini – Oggi parliamo di… (aprile – giugno 2018) sarà il penultimo percorso di una programmazione che si concluderà con Il Campidoglio da riscoprire in programma a Ottobre 2018.

PROGRAMMA

“MUSEI CAPITOLINI. OGGI PARLIAMO DI…”

CONFERENZE

Prenotazione obbligatoria allo 060608 - La partecipazione agli incontri non darà diritto alla visita dei Musei ospitanti, per la quale sarà necessario acquistare il biglietto all’ingresso.

14 giugno 2018 ore 16.30 | Musei Capitolini. Sala Pietro da Cortona

La zingara, la santa e la sposa: le donne nei quadri della Pinacoteca Capitolina

a cura di Sergio Guarino

Info

Tel 060608 - www.museiincomuneroma.it

Facebook @Museiincomuneroma

Twitter @museiincomune

#MIXMIC

15 giugno 2018

- ore 19:30

La realtà dei fotografi
Ciclo di seminari di storia della fotografia

WSP photography presenta “La realtà dei fotografi”, ciclo di seminari di storia della fotografia, con Rosa Maria Puglisi. Quattro incontri il 23 marzo, 13 aprile, 18 maggio, 15 giugno, dalle ore 19:30.

Questo ciclo di 4 seminari è rivolto sia a studenti che a semplici appassionati di fotografia, interessati a conoscere e/o approfondire quei movimenti di pensiero e quei generi fotografici che nel tempo si sono proposti di fornire testimonianza della realtà, della società, degli eventi e dei mutamenti storici, facendo della documentazione un’arte e un impegno morale verso la società.

24 giugno 2018

- ore 11

Musica sulla via Appia - Incontri con i maestri

​Via Appia Antica, 222, 00178 Roma RM, Italia

Domenica 8 aprile presso il sito archeologico di Capo di Bove nel Parco Archeologico dell'Appia Antica avrà luogo il primo incontro della rassegna Musica sulla Via Appia - Incontri con i Maestri, a cura dell’Associazione Culturale Rosso Rossini e di Agimus sezione Roma Est. Nei sei appuntamenti previsti, i Maestri dialogheranno con il pubblico coinvolgendo i giovani musicisti in un contesto culturale di grande suggestione.

Info e prenotazioni
[email protected]
tel. +39 347.3913235

Capo di Bove
via Appia Antica 222

Ingresso libero fino ad esaurimento posti
Si consiglia la prenotazione

24 giugno 2018 ore 11.00
La Tempesta... e altri racconti
tenore Salvatore Fresta, chitarra dell'800 Antonio Aprile

08 luglio 2018 ore 11.00
Una chitarra dimenticata
voce recitante Laura De Luca,
chitarre Mauro Restivo e Luigi Picard

**************************************************

Luglio 2018

**************************************************

08 luglio 2018

- ore 11

Musica sulla via Appia - Incontri con i maestri

​Via Appia Antica, 222, 00178 Roma RM, Italia

Domenica 8 aprile presso il sito archeologico di Capo di Bove nel Parco Archeologico dell'Appia Antica avrà luogo il primo incontro della rassegna Musica sulla Via Appia - Incontri con i Maestri, a cura dell’Associazione Culturale Rosso Rossini e di Agimus sezione Roma Est. Nei sei appuntamenti previsti, i Maestri dialogheranno con il pubblico coinvolgendo i giovani musicisti in un contesto culturale di grande suggestione.

Info e prenotazioni
[email protected]
tel. +39 347.3913235

Capo di Bove
via Appia Antica 222

Ingresso libero fino ad esaurimento posti
Si consiglia la prenotazione

08 luglio 2018 ore 11.00
Una chitarra dimenticata
voce recitante Laura De Luca,
chitarre Mauro Restivo e Luigi Picard

9 luglio 2018

Cinema days

Cinema a 3 euro al cinema Alfellini a Grottaferrata

 

-Secondo appuntamento
dal 09 al 15 luglio 2018

-Terzo appuntamento
dal 24 al 27 settembre 2018

“Il mondo del cinema è unito e presenta oggi una nuova promozione per aumentare il numero degli spettatori nelle sale cinematografiche, anche nei mesi estivi. 15 giorni di cinema a tre euro e una intera settimana ad agosto dedicata alle anteprime. Sono sicuro che anche questa promozione riscontrerà grande successo soprattutto tra le famiglie e i più giovani”

24 settembre 2018

Cinema days

Cinema a 3 euro al cinema Alfellini a Grottaferrata

-Terzo appuntamento
dal 24 al 27 settembre 2018

“Il mondo del cinema è unito e presenta oggi una nuova promozione per aumentare il numero degli spettatori nelle sale cinematografiche, anche nei mesi estivi. 15 giorni di cinema a tre euro e una intera settimana ad agosto dedicata alle anteprime. Sono sicuro che anche questa promozione riscontrerà grande successo soprattutto tra le famiglie e i più giovani”