Crea sito

Inaugurazioni ed eventi di un giorno

**************************************************

Luglio 2018

**************************************************

Venerdì 9 settembre 2018

- ore 18

9" Rosso

Prima edizione mostra concorso 9"

Opertativa 138 - Studio Lab 138

Venerdì 9 settembre 2018 ore 18 - 21

Opertativa 138 - Studio Lab 138

Interpretare il rosso inteso come colore, concetto o elemento decorativo, misurandosi all'interno di una cornice da 9".

Venerdì 9 settembre 2018 apre al pubblico la mostra della prima edizione 9" a cura di Laura Giovanna Bevione.

Presso Operativa 138 la sede espositiva di Studio Lab 138, a Pavona di Castel Gandolfo dal 9 al 30 settembre.

A partire dalla serata inaugurale saranno esposte le opere finaliste selezionate per il premio in palio, il vincitore del concorso avrà la possibilità di realizzare una mostra personale presso Operativa 138 lo spazio espositivo curato da Studio Lab 138.

Nato da un'idea di Laura Giovanna Bevione, il progetto 9" si sviluppa attorno a un'idea precisa di relazione tra Arte contemporanea e periferie, intese come città del futuro, Prima edizione di una serie di mostre/concorso che avranno come tema il colore, 9" Rosso punta ad essere non solo un’esposizione artistica, ma l’occasione per creare un punto di incontro, raccogliendo le sfide, di Antonio Presti e Renzo Piano di rammendo e rigenerazione urbana.

Con lo scopo di promuovere e valorizzare il territorio attraverso l’arte, Studio Lab 138 si fa promotore di attività culturali, mirate alla riqualificazione di Pavona, quartiere periferico di Castel Gandolfo e Albano Laziale.

La scommessa è di attrarre e coinvolgere, persone solitamente lontane dalla scena artistica, con un Laboratorio da dove iniziare per disegnare un futuro possibile, per sostenere la rinascita locale con la pianificazione di un progetto culturale.

Un incubatore per talenti artistici, volto ad avvicinare il grande pubblico al mondo dell'Arte Contemporanea.

Operativa 138 - Studio Lab 138

via del Mare 138 - Pavona di Castel Gandolfo (Rm)

Recapiti

327.337.1588 / lacical[email protected]

studiolab138.altervista.org

- ore 19

Festa di chiusura

II° edizione Velletri Libris

“Velletri Libris” sabato 16 giugno l’inaugurazione della rassegna con un concerto di benvenuto e l’incontro con Giampiero Mughini. L’appuntamento è a partire dalle 19.30 presso il Chiostro della Casa delle Culture e della Musica di Velletri. Si esibiranno il Coro “FondarCanto” e il Coro “Ruggero Giovannelli”, diretti dal Maestro Claudio Maria Micheli. Alle 21.00 seguirà l’incontro con il giornalista Giampiero Mughini che presenterà il suo ultimo romanzo “Che profumo quei libri. La biblioteca ideale di un figlio del Novecento”.

L’evento, ideato e realizzato dalla Mondadori Bookstore Velletri-Lariano in co-produzione con la Fondazione di Partecipazione Arte e Cultura Città di Velletri, accompagnerà i veliterni nelle sere d’estate in un percorso fatto di incontri con gli autori, impreziosito dalla parte eno-gastronomica.

La serata di apertura è fissata per il prossimo sabato, alle ore 19.30, quando nel Chiostro della Casa delle Culture e della Musica di Velletri il Coro FondarCanto e il Coro Ruggero Giovannelli, diretti dal Maestro Claudio Maria Micheli, accoglieranno i presenti con un concerto di benvenuto.

A seguire il discorso delle autorità e l’aperitivo letterario, curato dal Casale della Regina, in collaborazione con il CREA che proporrà per la data in questione i vini della Cantina Santa Maria. Alle 21.00 arriverà invece il primo ospite, Giampiero Mughini.

Giornalista e opinionista, vincitore di numerosi premi e autore di saggi, articoli e opere di ogni genere, presenterà il suo ultimo romanzo Che profumo quei libri. La biblioteca ideale di un figlio del Novecento, edito da Bompiani.

Il libro di Mughini è stato definito dalla critica «un libro in onore dei libri», che nonostante tutto combattono l’imperante dilagare del mondo digitale con il loro fascino. Il giornalista catanese, che ha più volte dichiarato di essere un collezionista e di avere oltre ventimila volumi nella sua biblioteca, seleziona le opere più significative del Novecento e le racconta non solo per trama ma anche per genesi editoriale, dal colore della copertina della prima edizione alle ristampe e al successo. La biblioteca ideale che Mughini narra nella sua opera è quindi strettamente intima, personale, ma adatta ad una universalità, quella a cui solo la letteratura può tendere. Una serata che si preannuncia di qualità, quindi, per la prima data di Velletri Libris, rassegna arrivata alla sua seconda edizione e con un programma di grande spessore. L’ingresso è libero e sarà disponibile la brochure con tutti gli appuntamenti per appuntarsi in agenda le serate indimenticabili che il Chiostro ospiterà tra giugno, luglio e agosto.

Chiostro Casa della Cultura e della Musica Velletri 

Piazza Trento e Trieste

ore 20 aperitivo letterario

ore 21 incontro con l'autore

 

Martedì 18 settembre 2018

- ore 16

Martedì 18 settembre 2018

ore 16,00 visita guidata alla mostra

ore 17,00 Sala espositiva piano I

“L’altra metà dell’arte. Artiste a Roma nella prima metà del Novecento”. A cura di Claudio Crescentini (Sovrintendenza Capitolina) e Francesca Lombardi (storica dell’arte)

Galleria d’Arte Modena di Roma

A partire da giugno eventi, incontri, reading, proiezioni di film d’artista degli anni Sessanta e due nuovi capolavori in mostra:

Comizio di Giulio Turcato e Bagnante di Marino Marini

Galleria d’Arte Moderna

da giugno a ottobre 2018

Roma città moderna. Da Nathan al Sessantotto, la mostra in corso fino al 28 ottobre 2018 alla Galleria d’Arte Modena di Roma, si arricchisce, lungo il suo percorso “in movimento”, di opere ma anche di eventi, incontri, reading, proiezioni – da giugno a ottobre – nel tentativo di ricostruire attraverso le arti e la cultura del periodo, un’immagine a tutto tondo della città di Roma, da sempre polo d’attrazione di culture e linguaggi diversi.

Ai tanti e importanti artisti già in mostra, si aggiungono, da luglio 2018, due nuove opere: Giulio Turcato con uno dei suoi maggiori capolavori, Comizio (1950), opera esemplare per descrivere al meglio i radicali mutamenti stilistici, culturali, sociali oltre che politici, verso cui si avviava la Capitale al volgere degli anni Quaranta. E Marino Marini con Bagnante (1934), una suggestiva opera in peperino donata dall’artista direttamente al Governatorato di Roma nel 1935.

Grazie alla collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, la mostra viene anche arricchita da una specifica sezione dedicata ai film d’artista degli anni Sessanta, realizzati dai maggiori artisti che hanno lavorato a Roma, reinventando il linguaggio cinematografico a fini artistici: Franco Angeli, Gianfranco Baruchello, Mario Schifano e Luca Maria Patella.

Saranno visibili, da luglio 2018 e per tutto il periodo della mostra: MARIO SCHIFANO - Ferreri (n.d.), Fotografo (n.d.), Reflex (1964), Vietnam (1967), Film (1967), Souvenir (1967); GIANFRANCO BARUCHELLO - Non accaduto, (1968); LUCA MARIA PATELLA - Terra animata (1967), SKMP2 (1968); FRANCO ANGELI - [Attualità] (1967), Schermi (1968), New York (1969).

Inoltre, incontri in mostra, sere d’arte e cultura, l’opera della domenica sono i tre titoli degli appuntamenti in partenza mercoledì 6 giugno, che affiancheranno fino ad ottobre la mostra.

I nove incontri in mostra iniziano mercoledì 6 giugno e proseguono fino a venerdì 26 ottobre. Gli appuntamenti prevedono la visita guidata alla mostra alle 16.00 seguita da presentazioni, reading, proiezioni (nella sala espositiva del 1° piano) con interventi a più voci di studiosi del settore che spaziano dall’arte alla letteratura, dalla storia alla musica dei decenni affrontati nell’esposizione.

Le sere d’arte e cultura, in collaborazione con Istituto Luce-Cinecittà, si svolgono nel chiostro/giardino della Galleria dalle 19.00 alle 21.30 prendendo in esame tematiche legate all’evoluzione artistica, culturale e sociale di Roma fra gli anni Dieci del Novecento e il Sessantotto, con la presenza di studiosi dei vari settori. Sono previsti tre appuntamenti, con proiezioni di film, reading e conferenze: il 28 settembre, il 2 e il 5 ottobre.

l’opera della domenica inizia il 10 giugno fino al 28 ottobre per un totale di dieci appuntamenti domenicali tutti alle 11.00. Sono visite guidate tramite le quali il pubblico è invitato ad individuare un punto di vista alternativo al percorso della mostra mediante l’analisi di un’opera simbolo, fra conferme e riscoperte.

La mostra, a cura di Claudio Crescentini, Federica Pirani, Gloria Raimondi e Daniela Vasta, è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Organizzazione Zètema Progetto Cultura.

Gli eventi sono stati resi possibili grazie alla collaborazione con Accademia di Belle Arti di Roma, Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale e Istituto Luce-Cinecittà. La rassegna Film d’artista è stata organizzata anche grazie alla collaborazione con Archivio Franco Angeli, Archivio Mario Schifano, Fondazione Baruchello e Luca Maria Patella.

INFO

Galleria d’Arte Moderna di Roma

Via Francesco Crispi, 24

 

Incontri in mostra: visite guidate e incontri gratuite con ingresso a pagamento del biglietto d’entrata alla mostra.

L’opera della domenica: visite guidate gratuite con ingresso a pagamento del biglietto d’entrata alla mostra.

Serate d’Arte e Cultura: Ingresso libero. Durante gli eventi non sarà possibile visitare la mostra.

060608 (tutti i giorni ore 9:00 - 19:00)

www.museiincomune.it; www.galleriaartemodernaroma.it

24 settembre 2018

Cinema days

Cinema a 3 euro al cinema Alfellini a Grottaferrata

-Terzo appuntamento
dal 24 al 27 settembre 2018

“Il mondo del cinema è unito e presenta oggi una nuova promozione per aumentare il numero degli spettatori nelle sale cinematografiche, anche nei mesi estivi. 15 giorni di cinema a tre euro e una intera settimana ad agosto dedicata alle anteprime. Sono sicuro che anche questa promozione riscontrerà grande successo soprattutto tra le famiglie e i più giovani”

Giovedì 27 settembre 2018

- ore 16,00 visita guidata alla mostra

- ore 17,00 Sala espositiva piano I

“Da Cuba all'Europa, Alba de Céspedes: scrittrice-partigiana e poetessa-intellettuale con la passione per la vita”. A cura di Angelo Favaro (Università degli Studi di Roma Tor Vergata) e Anna Pozzi (Università degli Studi di Roma Tor Vergata).

Galleria d’Arte Modena di Roma

A partire da giugno eventi, incontri, reading, proiezioni di film d’artista degli anni Sessanta e due nuovi capolavori in mostra:

Comizio di Giulio Turcato e Bagnante di Marino Marini

Galleria d’Arte Moderna

da giugno a ottobre 2018

Roma città moderna. Da Nathan al Sessantotto, la mostra in corso fino al 28 ottobre 2018 alla Galleria d’Arte Modena di Roma, si arricchisce, lungo il suo percorso “in movimento”, di opere ma anche di eventi, incontri, reading, proiezioni – da giugno a ottobre – nel tentativo di ricostruire attraverso le arti e la cultura del periodo, un’immagine a tutto tondo della città di Roma, da sempre polo d’attrazione di culture e linguaggi diversi.

Ai tanti e importanti artisti già in mostra, si aggiungono, da luglio 2018, due nuove opere: Giulio Turcato con uno dei suoi maggiori capolavori, Comizio (1950), opera esemplare per descrivere al meglio i radicali mutamenti stilistici, culturali, sociali oltre che politici, verso cui si avviava la Capitale al volgere degli anni Quaranta. E Marino Marini con Bagnante (1934), una suggestiva opera in peperino donata dall’artista direttamente al Governatorato di Roma nel 1935.

Grazie alla collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, la mostra viene anche arricchita da una specifica sezione dedicata ai film d’artista degli anni Sessanta, realizzati dai maggiori artisti che hanno lavorato a Roma, reinventando il linguaggio cinematografico a fini artistici: Franco Angeli, Gianfranco Baruchello, Mario Schifano e Luca Maria Patella.

Saranno visibili, da luglio 2018 e per tutto il periodo della mostra: MARIO SCHIFANO - Ferreri (n.d.), Fotografo (n.d.), Reflex (1964), Vietnam (1967), Film (1967), Souvenir (1967); GIANFRANCO BARUCHELLO - Non accaduto, (1968); LUCA MARIA PATELLA - Terra animata (1967), SKMP2 (1968); FRANCO ANGELI - [Attualità] (1967), Schermi (1968), New York (1969).

Inoltre, incontri in mostra, sere d’arte e cultura, l’opera della domenica sono i tre titoli degli appuntamenti in partenza mercoledì 6 giugno, che affiancheranno fino ad ottobre la mostra.

I nove incontri in mostra iniziano mercoledì 6 giugno e proseguono fino a venerdì 26 ottobre. Gli appuntamenti prevedono la visita guidata alla mostra alle 16.00 seguita da presentazioni, reading, proiezioni (nella sala espositiva del 1° piano) con interventi a più voci di studiosi del settore che spaziano dall’arte alla letteratura, dalla storia alla musica dei decenni affrontati nell’esposizione.

Le sere d’arte e cultura, in collaborazione con Istituto Luce-Cinecittà, si svolgono nel chiostro/giardino della Galleria dalle 19.00 alle 21.30 prendendo in esame tematiche legate all’evoluzione artistica, culturale e sociale di Roma fra gli anni Dieci del Novecento e il Sessantotto, con la presenza di studiosi dei vari settori. Sono previsti tre appuntamenti, con proiezioni di film, reading e conferenze: il 28 settembre, il 2 e il 5 ottobre.

l’opera della domenica inizia il 10 giugno fino al 28 ottobre per un totale di dieci appuntamenti domenicali tutti alle 11.00. Sono visite guidate tramite le quali il pubblico è invitato ad individuare un punto di vista alternativo al percorso della mostra mediante l’analisi di un’opera simbolo, fra conferme e riscoperte.

La mostra, a cura di Claudio Crescentini, Federica Pirani, Gloria Raimondi e Daniela Vasta, è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Organizzazione Zètema Progetto Cultura.

Gli eventi sono stati resi possibili grazie alla collaborazione con Accademia di Belle Arti di Roma, Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale e Istituto Luce-Cinecittà. La rassegna Film d’artista è stata organizzata anche grazie alla collaborazione con Archivio Franco Angeli, Archivio Mario Schifano, Fondazione Baruchello e Luca Maria Patella.

INFO

Galleria d’Arte Moderna di Roma

Via Francesco Crispi, 24

 

Incontri in mostra: visite guidate e incontri gratuite con ingresso a pagamento del biglietto d’entrata alla mostra.

L’opera della domenica: visite guidate gratuite con ingresso a pagamento del biglietto d’entrata alla mostra.

Serate d’Arte e Cultura: Ingresso libero. Durante gli eventi non sarà possibile visitare la mostra.

060608 (tutti i giorni ore 9:00 - 19:00)

www.museiincomune.it; www.galleriaartemodernaroma.it

28 settembre 2018

WOOJ | Women Out of Joint

Essere donna è una poetica, un’arte singolare che non ha cardini né regole prefissate. Women Out of Joint, realizzato in collaborazione con Segreteria Culturale IILA, metterà a confronto esperienze di artiste, storiche dell’arte, performer, attiviste, ricercatrici e architette attraverso incontri, workshop, performance e letture. More info soon.

 

GNAM

viale delle Belle Arti, 131 - Roma

Tel 06 322981
 

Martedì 2 ottobre 2018

- ore 19

SERE D’ARTE E CULTURA ALLA GAM

Galleria d’Arte Modena di Roma

in collaborazione con

Istituto Luce

Giovedì 27 settembre 2018

ore 19,00-21,00 Chiostro/giardino

Proiezione del film “L’uomo che non cambiò la storia”, 2016, di Enrico Caria .

Alla presenza dal regista.

- ore 19,00-21,00 Chiostro/giardino

Galleria d’Arte Modena di Roma

“Le periferie romane negli anni’50-’60 tra neorealismo in architettura e cultura moderna. Fermenti del post moderno e le attuali soluzioni iper-moderne”, a cura di Fulvio Leoni (Università Roma TRE). “La Roma di ‘Mamma Roma’”, a cura di Federica Capoferri (John Cabot University, Roma).

Reading “Periferie del mondo. Poesie e parole di Pier Paolo Pasolini” lette da Mia Benedetta

Proiezione di “La stazione”, 1952, di Valerio Zurlini; “Città nella città”, 1953, di Romolo Marcellini; “Confidenze di un gatto”, 1953, di Giorgio Ferroni.

Venerdì 5 ottobre 2018

- ore 19,00-21,00 Chiostro/giardino

Galleria d'Arte Moderna di Roma

“Roma68, da ‘Il PCI ai giovani!!’ a ‘l’insopportabile gioco della società dei consumi’. Arte come contestazione”, a cura di Claudio Crescentini (Sovrintendenza Capitolina). “Materiali da un archivio, 1968. La scuola in rivolta”, a cura di Giuseppe Garrera (Business School, Sole 24 Ore)

Reading: scritti “dal Sessantotto” letti da Marco Varriale

Proiezione dei Cinegiornali del Movimento Studentesco, 1968. Interviene Silvano Agosti

9 ottobre 2018

PIXAR. 30 ANNI DI ANIMAZIONE

La fama della Pixar, fondata in California nel 1986, è dovuta all'abilità nel combinare arte e tecnologia e all'utilizzo innovativo dei digital media per creare storie originali e personaggi intramontabili.

Da Toy Story, il primo film completamente "animato" al computer, al più recente Coco, passando per Monsters & Co., Alla ricerca di Nemo, Cars e Inside Out, solo per citare alcuni titoli, i film della Pixar sono riusciti da sempre a coinvolgere e affascinare bambini e adulti.
 

Ma in pochi sanno che questi incredibili film sono il frutto del lavoro di una squadra di creativi e registi di fama mondiale che utilizza i tradizionali strumenti come il disegno, i colori a tempera, i pastelli e la scultura insieme a quelli dei digital media più all’avanguardia. 
 

Con oltre 400 opere tra disegni, sculture, bozzetti, collage e storyboard, e una ricchissima selezione di materiali video, la mostra Pixar. 30 anni di animazione curata da Elyse Klaidman e da Maria Grazia Mattei per l'edizione italiana, è un vero e proprio viaggio negli Studios, e nell'universo creativo della Pixar che approda al Palazzo delle Esposizioni di Roma.
 

Il percorso espositivo, progettato da Fabio Fornasari, propone una chiave di lettura basata sui concetti di Personaggio, Storia e Mondo, tre elementi fondamentali per realizzare un grande film. Il tutto arricchito da due installazioni spettacolari, l'Artscape e lo Zoetrope, che con la tecnologia digitale fanno rivivere le opere esposte e ricreano l'emozione e la magia dell'animazione.

Palazzo delle Esposizioni

 

Giovedì 11 ottobre 2018

- ore 16,00 visita guidata alla mostra

- ore 17,00 Sala espositiva piano I

“Roma. Punto e a capo”. A cura di Silvana Cirillo (“Sapienza” Università di Roma), con la partecipazione di Andrea Minuz (“Sapienza” Università di Roma).

Reading di brani scelti dalla letteratura su Roma, fra Liberazione e contestazione letti da Francesca Goli

Galleria d’Arte Modena di Roma

A partire da giugno eventi, incontri, reading, proiezioni di film d’artista degli anni Sessanta e due nuovi capolavori in mostra:

Comizio di Giulio Turcato e Bagnante di Marino Marini

Galleria d’Arte Moderna

da giugno a ottobre 2018

Roma città moderna. Da Nathan al Sessantotto, la mostra in corso fino al 28 ottobre 2018 alla Galleria d’Arte Modena di Roma, si arricchisce, lungo il suo percorso “in movimento”, di opere ma anche di eventi, incontri, reading, proiezioni – da giugno a ottobre – nel tentativo di ricostruire attraverso le arti e la cultura del periodo, un’immagine a tutto tondo della città di Roma, da sempre polo d’attrazione di culture e linguaggi diversi.

Ai tanti e importanti artisti già in mostra, si aggiungono, da luglio 2018, due nuove opere: Giulio Turcato con uno dei suoi maggiori capolavori, Comizio (1950), opera esemplare per descrivere al meglio i radicali mutamenti stilistici, culturali, sociali oltre che politici, verso cui si avviava la Capitale al volgere degli anni Quaranta. E Marino Marini con Bagnante (1934), una suggestiva opera in peperino donata dall’artista direttamente al Governatorato di Roma nel 1935.

Grazie alla collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, la mostra viene anche arricchita da una specifica sezione dedicata ai film d’artista degli anni Sessanta, realizzati dai maggiori artisti che hanno lavorato a Roma, reinventando il linguaggio cinematografico a fini artistici: Franco Angeli, Gianfranco Baruchello, Mario Schifano e Luca Maria Patella.

Saranno visibili, da luglio 2018 e per tutto il periodo della mostra: MARIO SCHIFANO - Ferreri (n.d.), Fotografo (n.d.), Reflex (1964), Vietnam (1967), Film (1967), Souvenir (1967); GIANFRANCO BARUCHELLO - Non accaduto, (1968); LUCA MARIA PATELLA - Terra animata (1967), SKMP2 (1968); FRANCO ANGELI - [Attualità] (1967), Schermi (1968), New York (1969).

Inoltre, incontri in mostra, sere d’arte e cultura, l’opera della domenica sono i tre titoli degli appuntamenti in partenza mercoledì 6 giugno, che affiancheranno fino ad ottobre la mostra.

I nove incontri in mostra iniziano mercoledì 6 giugno e proseguono fino a venerdì 26 ottobre. Gli appuntamenti prevedono la visita guidata alla mostra alle 16.00 seguita da presentazioni, reading, proiezioni (nella sala espositiva del 1° piano) con interventi a più voci di studiosi del settore che spaziano dall’arte alla letteratura, dalla storia alla musica dei decenni affrontati nell’esposizione.

Le sere d’arte e cultura, in collaborazione con Istituto Luce-Cinecittà, si svolgono nel chiostro/giardino della Galleria dalle 19.00 alle 21.30 prendendo in esame tematiche legate all’evoluzione artistica, culturale e sociale di Roma fra gli anni Dieci del Novecento e il Sessantotto, con la presenza di studiosi dei vari settori. Sono previsti tre appuntamenti, con proiezioni di film, reading e conferenze: il 28 settembre, il 2 e il 5 ottobre.

l’opera della domenica inizia il 10 giugno fino al 28 ottobre per un totale di dieci appuntamenti domenicali tutti alle 11.00. Sono visite guidate tramite le quali il pubblico è invitato ad individuare un punto di vista alternativo al percorso della mostra mediante l’analisi di un’opera simbolo, fra conferme e riscoperte.

La mostra, a cura di Claudio Crescentini, Federica Pirani, Gloria Raimondi e Daniela Vasta, è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Organizzazione Zètema Progetto Cultura.

Gli eventi sono stati resi possibili grazie alla collaborazione con Accademia di Belle Arti di Roma, Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale e Istituto Luce-Cinecittà. La rassegna Film d’artista è stata organizzata anche grazie alla collaborazione con Archivio Franco Angeli, Archivio Mario Schifano, Fondazione Baruchello e Luca Maria Patella.

INFO

Galleria d’Arte Moderna di Roma

Via Francesco Crispi, 24

 

Incontri in mostra: visite guidate e incontri gratuite con ingresso a pagamento del biglietto d’entrata alla mostra.

L’opera della domenica: visite guidate gratuite con ingresso a pagamento del biglietto d’entrata alla mostra.

Serate d’Arte e Cultura: Ingresso libero. Durante gli eventi non sarà possibile visitare la mostra.

060608 (tutti i giorni ore 9:00 - 19:00)

www.museiincomune.it; www.galleriaartemodernaroma.it

Giovedì 18 ottobre 2018

- ore 16,00 visita guidata alla mostra

- ore 17,00 Sala espositiva piano I

“La musica a Roma fra le due guerre”. A cura di Alessandra Carlotta Pellegrini (Fondazione Isabella Scelsi). Introduce Daniela Vasta (Sovrintendenza Capitolina).

In collaborazione con Fondazione Isabella Scelsi.

Galleria d’Arte Modena di Roma

A partire da giugno eventi, incontri, reading, proiezioni di film d’artista degli anni Sessanta e due nuovi capolavori in mostra:

Comizio di Giulio Turcato e Bagnante di Marino Marini

Galleria d’Arte Moderna

da giugno a ottobre 2018

Roma città moderna. Da Nathan al Sessantotto, la mostra in corso fino al 28 ottobre 2018 alla Galleria d’Arte Modena di Roma, si arricchisce, lungo il suo percorso “in movimento”, di opere ma anche di eventi, incontri, reading, proiezioni – da giugno a ottobre – nel tentativo di ricostruire attraverso le arti e la cultura del periodo, un’immagine a tutto tondo della città di Roma, da sempre polo d’attrazione di culture e linguaggi diversi.

Ai tanti e importanti artisti già in mostra, si aggiungono, da luglio 2018, due nuove opere: Giulio Turcato con uno dei suoi maggiori capolavori, Comizio (1950), opera esemplare per descrivere al meglio i radicali mutamenti stilistici, culturali, sociali oltre che politici, verso cui si avviava la Capitale al volgere degli anni Quaranta. E Marino Marini con Bagnante (1934), una suggestiva opera in peperino donata dall’artista direttamente al Governatorato di Roma nel 1935.

Grazie alla collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, la mostra viene anche arricchita da una specifica sezione dedicata ai film d’artista degli anni Sessanta, realizzati dai maggiori artisti che hanno lavorato a Roma, reinventando il linguaggio cinematografico a fini artistici: Franco Angeli, Gianfranco Baruchello, Mario Schifano e Luca Maria Patella.

Saranno visibili, da luglio 2018 e per tutto il periodo della mostra: MARIO SCHIFANO - Ferreri (n.d.), Fotografo (n.d.), Reflex (1964), Vietnam (1967), Film (1967), Souvenir (1967); GIANFRANCO BARUCHELLO - Non accaduto, (1968); LUCA MARIA PATELLA - Terra animata (1967), SKMP2 (1968); FRANCO ANGELI - [Attualità] (1967), Schermi (1968), New York (1969).

Inoltre, incontri in mostra, sere d’arte e cultura, l’opera della domenica sono i tre titoli degli appuntamenti in partenza mercoledì 6 giugno, che affiancheranno fino ad ottobre la mostra.

I nove incontri in mostra iniziano mercoledì 6 giugno e proseguono fino a venerdì 26 ottobre. Gli appuntamenti prevedono la visita guidata alla mostra alle 16.00 seguita da presentazioni, reading, proiezioni (nella sala espositiva del 1° piano) con interventi a più voci di studiosi del settore che spaziano dall’arte alla letteratura, dalla storia alla musica dei decenni affrontati nell’esposizione.

Le sere d’arte e cultura, in collaborazione con Istituto Luce-Cinecittà, si svolgono nel chiostro/giardino della Galleria dalle 19.00 alle 21.30 prendendo in esame tematiche legate all’evoluzione artistica, culturale e sociale di Roma fra gli anni Dieci del Novecento e il Sessantotto, con la presenza di studiosi dei vari settori. Sono previsti tre appuntamenti, con proiezioni di film, reading e conferenze: il 28 settembre, il 2 e il 5 ottobre.

l’opera della domenica inizia il 10 giugno fino al 28 ottobre per un totale di dieci appuntamenti domenicali tutti alle 11.00. Sono visite guidate tramite le quali il pubblico è invitato ad individuare un punto di vista alternativo al percorso della mostra mediante l’analisi di un’opera simbolo, fra conferme e riscoperte.

La mostra, a cura di Claudio Crescentini, Federica Pirani, Gloria Raimondi e Daniela Vasta, è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Organizzazione Zètema Progetto Cultura.

Gli eventi sono stati resi possibili grazie alla collaborazione con Accademia di Belle Arti di Roma, Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale e Istituto Luce-Cinecittà. La rassegna Film d’artista è stata organizzata anche grazie alla collaborazione con Archivio Franco Angeli, Archivio Mario Schifano, Fondazione Baruchello e Luca Maria Patella.

INFO

Galleria d’Arte Moderna di Roma

Via Francesco Crispi, 24

 

Incontri in mostra: visite guidate e incontri gratuite con ingresso a pagamento del biglietto d’entrata alla mostra.

L’opera della domenica: visite guidate gratuite con ingresso a pagamento del biglietto d’entrata alla mostra.

Serate d’Arte e Cultura: Ingresso libero. Durante gli eventi non sarà possibile visitare la mostra.

060608 (tutti i giorni ore 9:00 - 19:00)

www.museiincomune.it; www.galleriaartemodernaroma.it

22 ottobre 2018

RAW 2018

Rome Art Week è una manifestazione a cadenza annuale dedicata all'arte nella Capitale con l'obiettivo di costruire una rete tra strutture espositive, artisti, critici, curatori, studiosi, collezionisti e appassionati ed offrire al pubblico una panoramica della proposta di arte contemporanea della città di Roma, attraverso eventi in spazi espositivi, open studio di artisti e progetti culturali completamente gratuiti organizzati appositamente per la manifestazione.

Gallerie, Fondazioni, Istituzioni, Associazioni culturali, Accademie e Istituti italiani e stranieriapriranno le loro porte alle inaugurazioni, ai finissages, ai talk con artisti, alla promozione di artisti creando uno o più eventi.

Durante i sei giorni della manifestazione, mediante gli open studio sarà possibile scoprire la genesi dell'opere d'arte con l'ausilio dell'artista che aprirà le porte dello studio privavo al pubblico istaurando un dialogo capace di far comprendere al pieno l'essenza dell'opera.

Nel corso della settimana, inoltre, si potranno visitare progetti espositivi ideati da curatori, artisti e operatori del settore esposti non solo in strutture canoniche ma anche in spazi atipici del territorio.

Verranno organizzate numerose visite guidate, dei concreti viaggi nel cuore dell'arte contemporanea romana grazie ai numerosi eventi programmati durante la settimana.

Per guidare il pubblico nella moltitudine di eventi fruibili, noti critici, curatori e operatori del settore forniranno il loro punto di vista sui partecipanti e sugli eventi delineando percorsi omogenei ed evidenziando le eccellenze della manifestazione.

Mercoledì 24 ottobre 2018

- ore 16,00 visita guidata alla mostra

- ore 17,00 Sala espositiva piano I

“Tra arte e scrittura. La Roma di Palma Bucarelli e Alberto Moravia”. A cura di Sandra Petrignani (scrittrice e giornalista) e Alessandra Grandelis (Università di Padova)

Galleria d’Arte Modena di Roma

A partire da giugno eventi, incontri, reading, proiezioni di film d’artista degli anni Sessanta e due nuovi capolavori in mostra:

Comizio di Giulio Turcato e Bagnante di Marino Marini

Galleria d’Arte Moderna

da giugno a ottobre 2018

Roma città moderna. Da Nathan al Sessantotto, la mostra in corso fino al 28 ottobre 2018 alla Galleria d’Arte Modena di Roma, si arricchisce, lungo il suo percorso “in movimento”, di opere ma anche di eventi, incontri, reading, proiezioni – da giugno a ottobre – nel tentativo di ricostruire attraverso le arti e la cultura del periodo, un’immagine a tutto tondo della città di Roma, da sempre polo d’attrazione di culture e linguaggi diversi.

Ai tanti e importanti artisti già in mostra, si aggiungono, da luglio 2018, due nuove opere: Giulio Turcato con uno dei suoi maggiori capolavori, Comizio (1950), opera esemplare per descrivere al meglio i radicali mutamenti stilistici, culturali, sociali oltre che politici, verso cui si avviava la Capitale al volgere degli anni Quaranta. E Marino Marini con Bagnante (1934), una suggestiva opera in peperino donata dall’artista direttamente al Governatorato di Roma nel 1935.

Grazie alla collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, la mostra viene anche arricchita da una specifica sezione dedicata ai film d’artista degli anni Sessanta, realizzati dai maggiori artisti che hanno lavorato a Roma, reinventando il linguaggio cinematografico a fini artistici: Franco Angeli, Gianfranco Baruchello, Mario Schifano e Luca Maria Patella.

Saranno visibili, da luglio 2018 e per tutto il periodo della mostra: MARIO SCHIFANO - Ferreri (n.d.), Fotografo (n.d.), Reflex (1964), Vietnam (1967), Film (1967), Souvenir (1967); GIANFRANCO BARUCHELLO - Non accaduto, (1968); LUCA MARIA PATELLA - Terra animata (1967), SKMP2 (1968); FRANCO ANGELI - [Attualità] (1967), Schermi (1968), New York (1969).

Inoltre, incontri in mostra, sere d’arte e cultura, l’opera della domenica sono i tre titoli degli appuntamenti in partenza mercoledì 6 giugno, che affiancheranno fino ad ottobre la mostra.

I nove incontri in mostra iniziano mercoledì 6 giugno e proseguono fino a venerdì 26 ottobre. Gli appuntamenti prevedono la visita guidata alla mostra alle 16.00 seguita da presentazioni, reading, proiezioni (nella sala espositiva del 1° piano) con interventi a più voci di studiosi del settore che spaziano dall’arte alla letteratura, dalla storia alla musica dei decenni affrontati nell’esposizione.

Le sere d’arte e cultura, in collaborazione con Istituto Luce-Cinecittà, si svolgono nel chiostro/giardino della Galleria dalle 19.00 alle 21.30 prendendo in esame tematiche legate all’evoluzione artistica, culturale e sociale di Roma fra gli anni Dieci del Novecento e il Sessantotto, con la presenza di studiosi dei vari settori. Sono previsti tre appuntamenti, con proiezioni di film, reading e conferenze: il 28 settembre, il 2 e il 5 ottobre.

l’opera della domenica inizia il 10 giugno fino al 28 ottobre per un totale di dieci appuntamenti domenicali tutti alle 11.00. Sono visite guidate tramite le quali il pubblico è invitato ad individuare un punto di vista alternativo al percorso della mostra mediante l’analisi di un’opera simbolo, fra conferme e riscoperte.

La mostra, a cura di Claudio Crescentini, Federica Pirani, Gloria Raimondi e Daniela Vasta, è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Organizzazione Zètema Progetto Cultura.

Gli eventi sono stati resi possibili grazie alla collaborazione con Accademia di Belle Arti di Roma, Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale e Istituto Luce-Cinecittà. La rassegna Film d’artista è stata organizzata anche grazie alla collaborazione con Archivio Franco Angeli, Archivio Mario Schifano, Fondazione Baruchello e Luca Maria Patella.

INFO

Galleria d’Arte Moderna di Roma

Via Francesco Crispi, 24

 

Incontri in mostra: visite guidate e incontri gratuite con ingresso a pagamento del biglietto d’entrata alla mostra.

L’opera della domenica: visite guidate gratuite con ingresso a pagamento del biglietto d’entrata alla mostra.

Serate d’Arte e Cultura: Ingresso libero. Durante gli eventi non sarà possibile visitare la mostra.

060608 (tutti i giorni ore 9:00 - 19:00)

www.museiincomune.it; www.galleriaartemodernaroma.it

Venerdì 26 ottobre 2018

- ore 16,00 visita guidata alla mostra

- ore 17,00 Sala espositiva piano I

“Franco Angeli: film, parole e documenti d’artista”. A cura di Federica Pirani (Sovrintendenza Capitolina).

In collaborazione con Archivio Franco Angeli

Galleria d’Arte Modena di Roma

A partire da giugno eventi, incontri, reading, proiezioni di film d’artista degli anni Sessanta e due nuovi capolavori in mostra:

Comizio di Giulio Turcato e Bagnante di Marino Marini

Galleria d’Arte Moderna

da giugno a ottobre 2018

Roma città moderna. Da Nathan al Sessantotto, la mostra in corso fino al 28 ottobre 2018 alla Galleria d’Arte Modena di Roma, si arricchisce, lungo il suo percorso “in movimento”, di opere ma anche di eventi, incontri, reading, proiezioni – da giugno a ottobre – nel tentativo di ricostruire attraverso le arti e la cultura del periodo, un’immagine a tutto tondo della città di Roma, da sempre polo d’attrazione di culture e linguaggi diversi.

Ai tanti e importanti artisti già in mostra, si aggiungono, da luglio 2018, due nuove opere: Giulio Turcato con uno dei suoi maggiori capolavori, Comizio (1950), opera esemplare per descrivere al meglio i radicali mutamenti stilistici, culturali, sociali oltre che politici, verso cui si avviava la Capitale al volgere degli anni Quaranta. E Marino Marini con Bagnante (1934), una suggestiva opera in peperino donata dall’artista direttamente al Governatorato di Roma nel 1935.

Grazie alla collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, la mostra viene anche arricchita da una specifica sezione dedicata ai film d’artista degli anni Sessanta, realizzati dai maggiori artisti che hanno lavorato a Roma, reinventando il linguaggio cinematografico a fini artistici: Franco Angeli, Gianfranco Baruchello, Mario Schifano e Luca Maria Patella.

Saranno visibili, da luglio 2018 e per tutto il periodo della mostra: MARIO SCHIFANO - Ferreri (n.d.), Fotografo (n.d.), Reflex (1964), Vietnam (1967), Film (1967), Souvenir (1967); GIANFRANCO BARUCHELLO - Non accaduto, (1968); LUCA MARIA PATELLA - Terra animata (1967), SKMP2 (1968); FRANCO ANGELI - [Attualità] (1967), Schermi (1968), New York (1969).

Inoltre, incontri in mostra, sere d’arte e cultura, l’opera della domenica sono i tre titoli degli appuntamenti in partenza mercoledì 6 giugno, che affiancheranno fino ad ottobre la mostra.

I nove incontri in mostra iniziano mercoledì 6 giugno e proseguono fino a venerdì 26 ottobre. Gli appuntamenti prevedono la visita guidata alla mostra alle 16.00 seguita da presentazioni, reading, proiezioni (nella sala espositiva del 1° piano) con interventi a più voci di studiosi del settore che spaziano dall’arte alla letteratura, dalla storia alla musica dei decenni affrontati nell’esposizione.

Le sere d’arte e cultura, in collaborazione con Istituto Luce-Cinecittà, si svolgono nel chiostro/giardino della Galleria dalle 19.00 alle 21.30 prendendo in esame tematiche legate all’evoluzione artistica, culturale e sociale di Roma fra gli anni Dieci del Novecento e il Sessantotto, con la presenza di studiosi dei vari settori. Sono previsti tre appuntamenti, con proiezioni di film, reading e conferenze: il 28 settembre, il 2 e il 5 ottobre.

l’opera della domenica inizia il 10 giugno fino al 28 ottobre per un totale di dieci appuntamenti domenicali tutti alle 11.00. Sono visite guidate tramite le quali il pubblico è invitato ad individuare un punto di vista alternativo al percorso della mostra mediante l’analisi di un’opera simbolo, fra conferme e riscoperte.

La mostra, a cura di Claudio Crescentini, Federica Pirani, Gloria Raimondi e Daniela Vasta, è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Organizzazione Zètema Progetto Cultura.

Gli eventi sono stati resi possibili grazie alla collaborazione con Accademia di Belle Arti di Roma, Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale e Istituto Luce-Cinecittà. La rassegna Film d’artista è stata organizzata anche grazie alla collaborazione con Archivio Franco Angeli, Archivio Mario Schifano, Fondazione Baruchello e Luca Maria Patella.

INFO

Galleria d’Arte Moderna di Roma

Via Francesco Crispi, 24

 

Incontri in mostra: visite guidate e incontri gratuite con ingresso a pagamento del biglietto d’entrata alla mostra.

L’opera della domenica: visite guidate gratuite con ingresso a pagamento del biglietto d’entrata alla mostra.

Serate d’Arte e Cultura: Ingresso libero. Durante gli eventi non sarà possibile visitare la mostra.

060608 (tutti i giorni ore 9:00 - 19:00)

www.museiincomune.it; www.galleriaartemodernaroma.it